Home / Oria / Galleria Autori / I fantasmi della storia: un nuovo libro di Malva dedicato a Oria

I fantasmi della storia: un nuovo libro di Malva dedicato a Oria

Oria online presenta in esclusiva il volume del prof. Pino Malva: I fantasmi della storia. Elegia per una città, non comprensibile ad oziosi e ignavi.

Malva-Elegia-14

Un volume frutto dell’amore che l’autore nutre per Oria, in cui ogni personaggio storico citato, “gente straordinaria”, manifesta lo stesso sentimento per questa città dalla lunga e tormentata storia. Una vita di ricerche storiche e storico-religiose dedicate a Oria.

Dal Prologo: “Quando le tenebre spengono il rosso cielo della sera, lasciati andare, passo dopo passo, ai profumi di brezze e macchia che tradiscono il mare non lontano, scopri l’assenza di suoni e rumori che invade vicoli e corti, per sentire il silenzio che narra di miti e l’eco di passi antichi, sulle basule lucide dall’uso. È questa l’ora di strani, inattesi, incontri e di stupore per racconti dimenticati.

Malva-Elegia-10Non quelli della nonna che affabulano i bimbi, né quelli di una madre che avvolge la città di fumo per sangue innocente versato… Ma storie vere di chi, in tremila anni, ha originato una realtà tangibile, amata e odiata, di cui non riesci, comunque, a fare a meno.
… Conoscerai gente straordinaria, giunta da ogni dove, dagli idiomi strani eppur comprensibili, dai lineamenti più vari eppur familiari, che si aggira per la nostra terra, certi nella direzione e sicuri nelle conoscenze e parrà essere fuori dal tempo a seguirne dialoghi e discorsi. Quante cose sapranno dirti storie e sguardi!

… Ovunque corre lo sguardo, ti si aprirà il libro della storia e potrai scorger il prode Idomeneo e i messapi Arta e Opi, il punico Annibale e la bella Uriana, il greco Teodosio e il grande Anziano di Gaza, il duca Gaiterisio e il Rabbi Amittai, Shabbatai il medico e gli anargiri fratelli Arabi, l’assassinato vescovo Andrea e l’indomito Guiscardo; il gran conte Ruggero, e Federico stupore del mondo. Il docile povero d’Assisi e Benedetto costruttor d’abbazie; l’ardito Tommaso d’Oria e gli eroi dell’assedio spagnolo, l’erudito Quinto Mario e l’inquieto marchese Bonifacio, il Borromeo santo e l’acuto Milizia, il gran mecenate Kalefati ed il galante celestin Corrado, fino alla spiumata aquila genovese che mai più, volò alta, sul turrito Castello di Oria.”

C’è da augurarsi che questa presentazione non sia solo un’esclusiva di Carpe diem Oria, ma un’anteprima e che presto il prof. Pino Malva decida di presentare il suo lavoro pubblicamente.

Pino-Malva-Oria
Pino Malva, nasce a Oria il 30-10-1947 dove vive tutt’ora. Si Laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Lecce nel 1976 e per 35 anni insegna Lingua e Letteratura inglese presso le Scuole di primo e secondo grado della Provincia di Brindisi.
Pubblica:
1986 – “Il cuoco galante”: un oritano alla corte degli Imperiali;
1989 – Avventura di uno spettatore incauto;
1990 – È bello perdere tempo, qualche volta;
1992 – La lampada di Aladino;
1993 – La città dove Santi e Re vanno per strada;
1994 – I Colori di Oria, Guida Turistico-fotografica;
1996 – Profumi di mediterraneo;
2003 – Il Patrimonio Pittorico della Basilica Cattedrale di Oria;
2004 – Ieri… Oggi… Domani? Quando la leggenda è già storia;
2004 – Oria, i Vescovi, gli Stemmi.
2005 – Barsanofio di Gaza patrono di Oria, mille anni di storia, tradizione, iconografia;
2006 – Rione Sancto Basilio;
2007 – Oria, San Francesco d’Assisi, una storia lunga ottocento anni;
2008 – Ad Oria Cristo scende il giovedì, riti quaresimali e pasquali nella tradizione popolare;
2009 – Testimonianze di culto mariano nel territorio di Oria;
2010 – Le antiche perdonanze di Oria;
2010 – La Basilica Cattedrale di Oria;
2011 – La Pala d’Oro di S. Barsanufio.

Brevi richiami ad alcune opere dello stesso autore:
Domenica 21 dicembre 2003
Ore 18.30,
Basilica Cattedrale
Presentazione del libro
Malva-Elegia-13Il Patrimonio Pittorico della Basilica Cattedrale di Oria
di Pino Malva.
Introduzione: dott. Donato Palazzo
Interventi:
Arch. Giovanni Caramia
Prof. Cosimo Mazza
Mons. Marcello Semeraro, Vescovo di Oria
Premessa (dell’autore)
L’amore per la mia città ha da sempre stimolato la mia fantasia, accendendo in me la curiosità ad andare oltre le spettacolari facciate dei suoi monumenti e le intriganti pagine della sua storia, alla scoperta di ciò che è più nascosto e perciò meno considerato o addirittura ignorato. Questa molla ha fatto scattare in me la voglia di saperne di più sul patrimonio pittorico della Basilica Cattedrale oritana e così è iniziato un appassionante lavoro di ricerca…

 

Malva-Elegia-12

26 DICEMBRE 2004, ORE 17,00
Salone del Museo Diocesano di Oria.
Presentazione del volume di Pino Malva
ORIA, I VESCOVI, GLI STEMMI
Mons. don Daniele CONTE, Direttore della Biblioteca Diocesana
Arch. Giovanni CARAMIA, Presidente della Sezione di Oria della Società di Storia Patria per la Puglia.
Relaziona
Prof.ssa Bianca TRAGNI, Scrittrice – Giornalista
Inaugurazione della Mostra degli Stemmi dipinti da Vincenzo Dalessano.
Con la presente sua nuova pubblicazione il prof. Pino Malva torna ad accreditarsi quale profondo conoscitore e attento studioso della storia locale, in particolare delle vicende che riguardano la storia ecclesiastica di Oria…
L’opera è indubbiamente pregevole e, oltre tutto, di grande interesse per quanto riguarda non solo il passato, ma anche il presente. La disciplina ecclesiastica, difatti, consente ancora oggi il ricorso all’uso dello stemma da parte dei cardinali e dei vescovi, i quali se ne servono abitualmente nel sigillo per autenticare i propri atti ufficiali. Lo stemma è, dunque, un contrassegno della carica, o “di dignità”.”
Marcello Semeraro
Vescovo di Oria

 

18 febbraio 2005
Ore 19:00
Basilica Cattedrale
Presentazione del libro di Pino Malva su
Malva-Elegia-11Barsanofio di Gaza, Santo Patrono della Città di Oria.
Si legge nella Prefazione dell’autore:
Nella speranza di aver prodotto qualcosa di utile alla comunità e soprattutto ai giovani alla ricerca di conoscenze, ringrazio chi ha avuto la bontà di consigliarmi, chi mi ha aperto le porte della propria casa, chi mi ha narrato i suoi ricordi, chi, in chiese, biblioteche ed archivi, ha messo a disposizione il suo tempo, chi continua a soddisfare le mie richieste non sempre opportune e tutti coloro che in vario modo hanno collaborato, perché questo lavoro è il risultato della loro affezione per Oria e per il suo grande patrono.

Controllare anche

Salute prevenzione Oria

Salute si accomodi: ciclo di incontri su prevenzione e salute a Oria

Salute si accomodi: “Vaccini e società: un diritto o un dovere?” “Donne e salute: l’importanza della prevenzione”, sono i temi degli incontri in programma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *