50° del Torneo: incontro per il 44° del Gemellaggio Oria Lorch

Federico II è il denominatore comune per la firma del Gemellaggio e il Parco Oria-Lorch, Piazza Lorch, ex San Domenico, sono segni tangibili di amicizia.

Gemellaggio Oria Lorch

Mercoledì 11 maggio alle ore 17,30, presso l’Aula Consiliare della Sede Municipale di Oria, su invito del Presidente del Consiglio, Glauco Caniglia, e in presenza dei componenti della Giunta e dei Consiglieri Comunali, si è svolto l’incontro con la delegazione della Città di Lorch.

Dopo le presentazioni e i saluti di rito ha preso la parola il Sindaco Cosimo Ferretti che ha detto:
«Sono davvero felice di accogliere in quest’aula consiliare gli amici di Lorch che sono qui in visita ufficiale in occasione delle celebrazioni del 50° anniversario del Corteo Storico di Federico IITorneo dei Rioni. La loro presenza in questa ricorrenza particolarmente importante per la nostra comunità denota grande sensibilità ed è manifestazione di amicizia vera e consolidata da parte della città di Lorch verso la nostra città.
D’altronde, il Corteo Storico ed il Gemellaggio con Lorch hanno da sempre un comune denominatore: Federico II.
La stessa idea del Gemellaggio nacque all’interno della Pro Loco con l’intento di dare alla nascente manifestazione rievocativa un respiro più ampio, che andasse oltre i confini locali e nazionali per guardare a quell’Europa unita che proprio in quegli anni si andava sempre più concretizzando.
Era il 1971 quando l’allora Sindaco di Oria Pasquale Sartorio, con il Vice Sindaco Emanuele Mazza, l’Assessore Antonio Baldari, il Presidente della Pro Loco Gennaro Carissimo, il Vice Presidente della Pro Loco Luciano Calò, il Presidente onorario della Pro Loco Donato Palazzo e la Giunta Municipale di Lorch, presieduta dal Borgomastro Walter Frank Kubler, firmarono la Promessa di Gemellaggio.
L’anno successivo, nel campo del Torneo, in occasione del Torneo dei Rioni, che si tenne il 27 e il 28 maggio, fu firmato ufficialmente dal Sindaco di Oria Pasquale Sartorio, dal Borgomastro di Lorch Walter Kubler e dal Presidente della Pro Loco Gennaro Martini Carissimo l’Atto di Gemellaggio.
Da allora, da quel lontano 1972, sono passati ben 44 anni e tanta strada le due comunità hanno fatto insieme. Tanti sono i segni tangibili d’amicizia rimasti impressi nella stessa fisionomia della nostra città: il Parco Oria-Lorch, il Viale Grande Europa, il cambio del nome della storica Piazza San Domenico (che a breve rivedrà nuova luce a seguito dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione in corso).
Così come tanti sono i segni indelebili rimasti impressi nello stesso tessuto sociale a seguito delle tante iniziative realizzate nel corso di questi anni con scambi socio-culturali tra scuole, associazioni e famiglie che hanno fatto nascere nuove amicizie e hanno fatto crescere il senso di solidarietà tra le due comunità.
Nonostante gli anni trascorsi è ancora attuale lo spirito che animò i padri fondatori del Gemellaggio, che videro in esso non soltanto lo strumento per promuovere il nostro Corteo Storico e il nostro Torneo dei Rioni ma, soprattutto, il mezzo per formare i nuovi “cittadini d’Europa” e per dare concretamente corpo a quei principi che sono alla base delle Istituzioni Europee: la pace, la solidarietà, la libertà, l’uguaglianza ed il rispetto dei diritti umani. È a questi valori che dobbiamo continuare a guardare per trovare giorno dopo giorno lo slancio e l’entusiasmo necessario a rinsaldare sempre di più il nostro patto d’amicizia con la città di Lorch.
La piazza più grande di Oria è quella dedicata a Lorch. Proprio in questi giorni, Piazza Lorch è tutta un pullulare di ruspe ed operai che stanno lavorando alacremente per renderla più grande, accogliente e bella da qui a qualche mese, pronta ad ospitare in agosto la cerimonia di presentazione del palio della 50ª edizione del Corteo Storico di Federico II – Torneo dei Rioni.
Avremo una piazza unica per bellezza ed importanza storica, una piazza che ridarà la luce ad un’importante necropoli ellenistica del IV sec. A.C. e che darà la possibilità al visitatore di percorrere in pochi metri un viaggio ideale attraverso le epoche. Avremo una piazza nuova e antica nel contempo, una piazza rinnovata che credo sarà di buon auspicio per un rinnovato slancio del Gemellaggio con la Città di Lorch

Il Sindaco ha anche annunciato i prossimi appuntamenti in PROGRAMMA:

– Sabato e domenica, ininterrottamente, dalle ore 10:00 alle 19:00, apertura straordinaria del Castello a tutti i visitatori, con visita guidata al Sindaco di Lorch e alla sua delegazione, grazie alla gentile concessione della proprietaria, famiglia Romanin Caliandro, a cui vanno i ringraziamenti del Sindaco, suoi personali e a nome di tutta la città di Oria per aver accolto la sua richiesta.
Aspetto importantissimo, questo, se si pensa che il Corteo Storico di Federico II ed il Torneo dei Rioni e quindi il Gemellaggio sono nati grazie alla presenza di questo importantissimo monumento nazionale.
– Sabato inaugurazione, con il sindaco di Lorch, di Parco Montalbano e visita guidata all’interno del parco e della Necropoli Messapica scoperta, di recente, ai piedi del Castello.
– Apertura di Palazzo Sedile quale punto turistico di informazione con la collaborazione del Gal “Terre del primitivo” e la Pro Loco di Oria.

[Google]

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share62
Tweet
WhatsApp
Email