Home / Oria / Antigiudaismo e antisemitismo: Il GPU celebra la Giornata della Memoria

Antigiudaismo e antisemitismo: Il GPU celebra la Giornata della Memoria

Antigiudaismo e antisemitismo: dai perfidi giudei alla Shoah. È il tema scelto dal Gruppo di Promozione Umana per commemorare la Giornata della Memoria.

Antigiudaismo antisemitismo Giornata Memoria
Cliccare sull’immagine per ingrandirla!

Domenica 20 gennaio alle ore 19.30 nella chiesa di San Francesco d’Assisi in Oria.

Antigiudaismo e antisemitismo: dai perfidi giudei alla Shoah.

COMMEMORAZIONE DELLA “GIORNATA DELLA MEMORIA”
Nel ricco calendario delle attività previste del Gruppo di Promozione Umana per l’anno 2018/2019, quest’anno è stata voluta fortemente l’iniziativa della “Commemorazione della Giornata della Memoria”. La data ufficiale ogni anno di tale ricorrenza è il 27 gennaio e, il Gruppo di Promozione Umana ha sentito il dovere e l’obbligo morale di ricordare quanto accaduto per fare in modo che non accada mai più e che nessun altro debba subire quello che il popolo ebraico ha subito a causa del folle progetto di Hitler che ha dato vita alla Shoah. Purtroppo, il popolo ebreo non è l’unica vittima di questa follia, a pagarne le conseguenze sono stati anche zingari, omosessuali, comunisti e persone accusate di atteggiamenti ritenuti asociali e devianti.
Questa ricorrenza, infatti, è molto importante perché sapere e ricordare è un obbligo e nessuno deve dimenticare cosa è accaduto a milioni di persone vittime di barbarie, morte, terrore e persecuzione.
La Giornata della Memoria, dunque, ha un duplice compito: quello di ricordare, per far sì che nessuno dimentichi l’orrore dell’Olocausto, e quello di tramandare, di raccontare la Shoah alle future generazioni e assicurarsi che non accada mai più niente del genere.
La data del 27 gennaio è stata stabilita dall’ONU in ricordo dello sterminio del popolo ebraico, perché in questa data, l’esercito sovietico ha varcato i cancelli di Auschwitz, il più grande dei campi di concentramento costruito dai nazisti nel corso della Seconda Guerra Mondiale, trovandosi di fronte ad una terribile realtà quando liberando i superstiti rimasti, mostrarono al mondo le condizioni delle vittime del folle piano del Terzo Reich, che ambiva allo sterminio programmato delle popolazioni ebraiche, e non solo, di tutta Europa. La scoperta di Auschwitz fu agghiacciante per l’intero mondo che scoprì gli orrori che non aveva ancora visto e costrinse ad assumersi le proprie responsabilità tutti coloro che sapevano e avevano taciuto. Le testimonianze dei superstiti e la scoperta di strumenti di tortura abominevoli e di sterminio furono mostrati a tutti, dimostrando il piano assurdo di Hitler.
Queste sono le motivazioni di questa iniziativa, che il Gruppo ha organizzato per Domenica 20 gennaio alle ore 19.30 nella chiesa di San Francesco d’Assisi in Oria, sul tema “Antigiudaismo e antisemitismo: dai ‘perfidi giudei’ alla Shoah“.
La serata prevede i saluti di Emilio Pinto, presidente del Gruppo, del Sindaco M. Lucia Carone, del parroco Sac. Giuseppe Lepore, gli interventi dei proff. Giuseppe Patisso, docente di Storia moderna – Università del Salento e Daniele De Luca, docente di Storia delle Relazioni internazionali – Università del Salento. Modera Pierdamiano Mazza, direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali e la Cultura – Diocesi di Oria. Testi dedicati all’immane tragedia della Shoah saranno letti da Viviana Carbone e brani musicali saranno eseguiti dal coro polifonicoAndrea Dellomonaco” del Santuario di Sant’Antonio in Oria diretto da Giuseppe Massa.
L’iniziativa è patrocinata dalla Città di Oria e dall’Associazione Europassione per l’Italia e si avvale della collaborazione della Parrocchia di S. Francesco d’Assisi, dei PP. Rogazionisti e dell’Ass. Runder Kultur Tisch di Lorch (D).
L’impegno del Gruppo e di tutti noi, nel commemorare questa giornata, è quello di diffondere il messaggio di solidarietà e di speranza affinché tutto questo non accada mai più.

Controllare anche

Dal terremoto di Messina a San Pasquale Rogazionisti

Dal terremoto di Messina a San Pasquale con i Rogazionisti di P. Annibale

Dal terremoto di Messina a San Pasquale: iniziava, 110 anni fa, a Oria, l’opera dei Rogazionisti, caritatevole e di formazione artigianale degli orfanelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi76
Tweet
WhatsApp
Email