Home / Oria / L’Imperatore: bandito sia per la Terra il Torneo dei Rioni

L’Imperatore: bandito sia per la Terra il Torneo dei Rioni

Bando dell’Imperatore Federico II di Svevia: Nui… mandiamo che “bannito” sia per la Terra lo Torneo dei Rioni di Oria.

Torneo Rioni Oria 2016

Noi, Fridericus, Dei gratia Romanorum imperator, semper augustus et Sicilie rex… mandiamo che bannito sia per la Terra lo Torneamento De’ Rioni.
Li valorosi campioni de’ quattro Rioni d’esta Cittate d’OREA, Castello, Judea, Lama et Sancto Basilio, faronno mostramento di lor virtute innanzi a lo Imperatore, senza disonore e villania… senza crudele battaglia.
Lo premio sia un magnificoPALIO

“Corteo Storico di Federico II – Torneo dei Rioni”

Torneo Rioni Oria 201650a Edizione – 13 e 14 agosto 2016

La cittadina trimillenaria di Oria, a metà tra Brindisi e Taranto sull’antico tracciato della via Appia e a pochi minuti dalle spiagge caraibiche del mar Jonio, ogni anno compie un affascinante tuffo nei meandri del passato, rievocando tra storia e tradizione i fasti e le atmosfere del Medioevo. Squilli di chiarine e rulli di tamburi riecheggiano ogni estate ai piedi del maestoso castello che Federico II di Svevia volle edificare nel 1225 sulle fortificazioni normanne preesistenti sull’acropoli della città. Quello che è possibile ammirare giungendo a Oria nella seconda settimana di agosto, è uno spaccato di vita dell’epoca del “puer Apuliae” realizzato con la partecipazione di tutta la cittadinanza, impegnata dal 1967 sotto la guida della Pro Loco a dar vita al “Corteo Storico di Federico II – Torneo dei Rioni”. Uno spettacolo di colori e musiche, sensazioni e atmosfere che è davvero unico per la ricercata meticolosità nei particolari, tanto da essere considerato tra i più suggestivi e rinomati a livello europeo. La manifestazione trae ispirazione dal bando emanato, secondo la tradizione, da Federico II nel 1225 per “sollazzare” gli abitanti della “fedelissima Cittade d’Orea” in attesa delle nozze con la promessa sposa Isabella di Brienne, che avvennero nel novembre dello stesso anno nella Cattedrale di Brindisi. La celebre rievocazione è divenuta un appuntamento fisso dell’estate salentina, con decine di migliaia di presenze. Quest’anno l’evento giunge alla cinquantesima edizione e, in occasione dell’importante traguardo, è stato elaborato un un ricco programma di iniziative che, tra spettacolo, storia e cultura, animeranno l’intera estate oritana.

Banno Torneo dei rioni

Il Banno

Sabato 13 agosto si svolgerà il primo dei due momenti più attesi, il “Corteo Storico di Federico II”. Circa mille figuranti faranno rivivere agli spettatori i fasti e gli usi dell’epoca federiciana, affascinando grandi e piccini. In tutta la sua imponenza, dalle ore 18:00 il corteo si snoderà lungo le principali vie cittadine fastosamente addobbate con i vessilli dei quattro rioni, per concludersi con la suggestiva cerimonia di presentazione del Palio nella piazza centrale della città. I figuranti che indossando abiti d’epoca perfettamente ricostruiti sfileranno insieme all’Imperatore Federico II saranno circa mille, tra nobili e dame, crociati, armigeri, portatori di animali esotici, falconieri, portainsegne, cavalieri in arme, giocolieri, mangiafuoco, arcieri, danzatrici e saraceni, accompagnati da sbandieratori e musici. Nel corteo, inoltre, verrà riproposta la sfarzosa corte orientale di Giovanni Di Brienne, futuro suocero di Federico II e Re di Gerusalemme con danzatrici del ventre, armigeri mori, portatori di cammelli, nobili e dame orientali.

Domenica 14 agosto l’atmosfera si scalderà ancor di più, con la Cinquantesima edizione del “Torneo dei Rioni”, la grande sfida tra gli atleti del Rione Castello, Rione Judea, Rione Lama e Rione Santo Basilio. All’interno del campo del torneamento sfilerà l’intero Corteo, si esibiranno gli sbandieratori, gli armati e i cavalieri. Si svolgerà una spettacolare giostra medievale con i combattimenti tra i cavalieri dei quattro rioni e sarà poi dato il via alle gare valide per l’assegnazione del Palio: l’”Ariete”, la “Botte”, il “Forziere”, il “Ponte” e di “Velocità e Destrezza” Attraverso le dure prove di stampo medievale si rivivranno assalti alle mura, l’espugnazione di castelli e il ritrovamento di tesori. Una competizione imperdibile che quest’anno sarà ancor più agguerrita perché il palio conteso sarà il numero cinquanta. Oltre agli eventi citati, sono di particolare interesse per il turista che decide di raggiungere Oria i parchi storici ai piedi del castello, con testimonianze di varie epoche e la Basilica Cattedrale con la cripta delle mummie della Confraternita della Morte. Di rilievo anche il museo etnografico, presso il Santuario dei Santi Medici. Ulteriori dettagli sono disponibili sul sito www.torneodeirionioria.it e sulla pagina Facebook “Torneo dei Rioni Oria”.
Corteo Storico di Federico II
Sabato 13 agosto 2016 – 18:00

Per la cerimonia di Presentazione del Palio, che si svolgerà intorno alle ore 20:00, oltre ai posti liberi in piedi, sono previsti dei posti a sedere numerati con costo tra i 2,5 € e i 3,5 €. Si tratta di un rimborso spese simbolico per le sedie e lo sbigliettamento, che consentirà di potersi accomodare seduti, potendo godere al meglio dello spettacolo, senza eccessiva calca e nel pieno rispetto della rinnovata piazza.
Per l’accesso sarà disponibile il botteghino in via Torre Santa Susanna n. 22, dalle ore 17:00 del 13 agosto. Prevendita dalla mattina del 13 agosto presso l’info point del Gal (Piazza Manfredi – Sedile). I disabili accederanno dal lato Piazza Lorch nei pressi della fontanina.

Torneo dei Rioni
Domenica 14 agosto 2016 ore 17:30 – Campo del Torneo

Biglietti in prevendita presso: Pro Loco di Oria (via Pasquale Astore, 31), info point del Gal (Piazza Manfredi – Sedile), Ristorante Fuori Porta (Piazza Lorch), Ristorante Deco’(Piazza Lama), Bar Il Piacere (Via Epitaffio). Prima dell’inizio dell’evento vendita al botteghino del campo (via Senatore Martini, vicino al cimitero). Costo di 15 € per gli adulti, 12 € per i bambini sino ai 10 anni, esentanti bambini fino a 4 anni.
Unico accesso possibile per il pubblico con biglietto, anche se acquistato in prevendita, nei pressi del botteghino, in nessun caso sarà possibile accedere dagli altri ingressi riservati ai figuranti e alle autorità.

[Google]

Controllare anche

Dal terremoto di Messina a San Pasquale Rogazionisti

Dal terremoto di Messina a San Pasquale con i Rogazionisti di P. Annibale

Dal terremoto di Messina a San Pasquale: iniziava, 110 anni fa, a Oria, l’opera dei Rogazionisti, caritatevole e di formazione artigianale degli orfanelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi24
Tweet
WhatsApp
Email