Home / Oria / Rinnovo cariche sociali Rione Lama: Biasi, detto Cargiomo, eletto Capitano

Rinnovo cariche sociali Rione Lama: Biasi, detto Cargiomo, eletto Capitano

Il Presidente del seggio elettorale per il rinnovo delle cariche sociali del Rione Lama ha pubblicato i risultati delle votazioni con la nomina del Capitano.

Cariche sociali Rione Lama

Elezioni cariche sociali Rione Lama 2018 – pubblicazione risultati.

Domenica 28 ottobre 2018 si sono tenute le elezioni sociali del Rione Lama di Oria.
Alla carica di capitano è stato eletto Francesco Biasi, detto Cargiomo.

Sono stati eletti consiglieri i soci Giovanni Corrado, Cosimo D’Angeli, Costanzo D’Angeli, Elisa De Gaetani, Mario De Stefano, Giuseppe Lacala, Cosimo Ribezzo e Anna Spina.

I soci Federico Farina, Angelo Galeone e Antonio Madaghiele sono stati eletti componenti del Collegio dei Probiviri mentre le socie Maria Luisa Galiano, Sonia Russo e Lucia Savese sono state elette componenti del Collegio dei Revisori dei conti.

Pino Proto
(presidente del seggio elettorale per il rinnovo delle cariche sociali del Rione Lama).

RIONE LAMA
 
Questo Rione deve il suo nome alla sua collocazione nella “Lama”: ossia la pianura verso la quale confluivano le acque defluenti dal Colle del Castello. In questo Rione vi era la terza porta della città, detta Porta di Brindisi, che fu demolita nel 1862. Non molto distante dalla Porta vi era il Convento dei Frati di San Francesco di Assisifondato da esso istesso… che in sua memoria vi lasciò un arbore di Merangio da se piantato… “. Ciò sarà avvenuto dopo il 1221, ossia dopo il ritorno di San Francesco dall’Oriente. La primitiva costruzione fu la piccola Chiesa della Madonna di Costantinopoli, in seguito demolita. La seconda chiesa fu fatta costruire intorno al 1437 da Giovanni Antonio Orsini Del Balzo, principe di Taranto. La terza costruzione, cominciata nel 1774 e ultimata nel 1785, ha incorporato in sé la seconda il cui vecchio ingresso, adorno di capitelli ed archi, si vede ancor oggi murato sul muro occidentale. Dal 1887 il Convento francescano fu adibito a Ospedale Civile. Fulgidissimo esempio di umile letizia francescana fu il Beato Francesco da Durazzo, vissuto in quell’antichissimo monastero, dove si spense il 305. Le sue reliquie sono oggetto di particolare venerazione e viene commemorato la domenica in albis. La sua statua è posta nell’orto attiguo alla chiesa, opera del maestro A. Bujar. Nella Chiesa di san Francesco d’Assisi si può ammirare il “Gruppo litico della pietà” sec. XV di autore ignoto. A circa 3 km si trova la Chiesa rupestre di Santa Maria di Gallana (sec. VIII-IX) ove sono conservati numerosi affreschi e un bellissimo “presepe litico” (sec. XV).

I colori che lo distinguono sono il verde e il giallo-oro. Lo stemma è diviso trasversalmente in due bande: in una compare un albero di arancio verde su campo giallo-oro e nell’altra un pozzo giallo-oro su campo verde: si tratta di simboli che si richiamano al passaggio in questo territorio di San Francesco d’Assisi, nel cui giardino attiguo alla parrocchia che porta il suo nome esiste ancora l’albero che secondo la tradizione fu messo a dimora proprio dal Poverello di Assisi che volle anche scavare un pozzo. Il Rione, dal 1985, è gemellato con il Rione Bianco di Faenza e nello stesso anno nasce il gruppo sbandieratori “Rione Lama”. Nel corso dell’anno questo rione organizza diverse manifestazioni come la “Pettolata” e la “Pedalata”. Monumenti da visitare: la chiesa di S. Francesco D’Assisi, la chiesetta di S. Maria di Gallana, la colonna dell’Immacolata, il Monumento ai caduti sul lavoro, la villa Comunale, il Palazzo di Città ed il Palazzetto dello Sport.

Controllare anche

Casa don Bosco Oratorio

Casa don Bosco: spazio di socializzazione per giovani, ragazzi e bimbi

Oria. Giovani e ragazzi, dal dodici novembre, tutti a Casa Don Bosco e, dal 17, partirà un nuovo servizio a favore dell’infanzia: Spazio bimbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi23
WhatsApp
Tweet
+1