Home / Oria / Cartellone oritano: programmazione in ritardo e con buchi spaventosi

Cartellone oritano: programmazione in ritardo e con buchi spaventosi

Coalizione per il Cambiamento: programmazione realizzata grazie ai gruppi di volontari, corsi in soccorso dell’assessora ritardataria.

Coalizione programmazione estate

L’assessore al turismo Francesca Mazzotta ritiene svolto il suo gravoso compito di promuovere Oria in Italia ed all’estero e di favorire le condizioni di affermazione della vocazione turistica della città, semplicemente svolgendo, male, le funzioni dell’impresario teatrale. Questa è la verità. Come ogni anno per le manifestazioni dell’Estate Oritana dobbiamo doverosamente ringraziare l’impegno, la dedizione e l’amore per il proprio paese della Pro Loco, dei 4 Rioni, dei gruppi di sbandieratori, delle associazioni, degli imprenditori e di tutti i volontari che saranno impegnati. Senza di loro, corsi in soccorso dell’assessora ritardataria, non ci sarebbe nulla.

Infatti, solo scorrendo l’elenco degli eventi in cartellone si comprende come manchi del tutto ogni programmazione dell’assessorato al turismo che possa mettere in sinergia le energie profuse dai privati con la possibilità di intercettare flussi di turisti. È tutto lasciato al caso.

Del resto il nostro Assessore si è svegliato solo il 9 maggio scorso, quando ha pubblicato l’avviso pubblico per la presentazione delle manifestazioni di interesse da parte delle Associazioni, dando tempo alle stesse fino al 30 maggio. Quindi, ha iniziato a lavorarci non prima del 1° giugno per pubblicare il cartellone il 20 giugno. Dunque ben 20 giorni di lavoro per un calendario pieno zeppo di evidentissimi errori: eventi che si svolgono contemporaneamente (vedi 06/07, 30/07, 12/08), manifestazioni copiate e riproposte in altre date (vedi 14-16/7 Gustoria” e 02/08 Cena medievale), buchi di programmazione spaventosi (dal 25/06 al 14 luglio, quindi per ben 19 giorni, a parte quattro eventi che si terranno nel chiostro Montalbano ed una sfilata di moda intimo il giorno 8 su piazza Lorch, il resto della città rimarrà fermo). Si pensi che il regolamento comunale vigente che disciplina il patrocinio e il finanziamento degli eventi socio culturali prevede, come è giusto che sia, che le proposte debbano essere protocollate entro il 30 novembre di ogni anno. Cosa si può organizzare a ridosso del mese di giugno, quando la maggior parte delle occasioni (anche economiche) per poter apprezzare artisti di prima fascia sono irrimediabilmente svanite?

Il tutto alla modica cifra di € 46.744,00 che finiranno, come sempre, nelle solite tasche (non certo quelle delle associazioni) e senza un minimo di gara.

L’assessore sostiene che una parte della minoranza critica per gelosia ed invidia? Lo ammettiamo: è vero, siamo gelosi ed invidiosi, ma non certo del grigiore ed inadeguatezza di questa assessora, che è sotto gli occhi di tutta la cittadinanza tanto da diventare argomento principale di crisi della maggioranza di Ferretti!

Siamo gelosi ed invidiosi dei cartelloni estivi delle città nostre vicine.

I Movimenti della Coalizione per il Cambiamento

[Google]

Controllare anche

De-Libris-liberis-micofestival

De Libris liberis: microfestival del libro nel cartellone estivo oritano

De Libris liberis: secondo evento della Rassegna un Pozzo di Cultura, con interviste ad autori, mini presentazioni di libri e gustose anteprime editoriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi8
Tweet
WhatsApp
Email