Home / Foto / Cupola della Basilica Cattedrale di Oria consolidata e restaurata: foto

Cupola della Basilica Cattedrale di Oria consolidata e restaurata: foto

Cupola della Basilica Cattedrale di Oria rivestita da mattonelle policrome: a luglio 2019 sono stati completati i lavori di consolidamento e restauro. Foto

Cupola della Basilica Cattedrale

Oria, domenica 14 luglio 2019: sono stati completati i lavori di consolidamento e restauro della Cupola della Basilica Cattedrale rivestita da mattonelle policrome.

Cupola Basilica Cattedrale Oria luglio 2019

Oria, domenica 3 marzo 2019: procedono i lavori di consolidamento e restauro sulla Cupola della Basilica Cattedrale rivestita da mattonelle policrome.

Cupola Basilica Cattedrale Oria marzo 2019

Oria, lunedì 4 febbraio 2018: iniziati i lavori di consolidamento e restauro sulla Cupola della Basilica Cattedrale rivestita da mattonelle policrome.

Cupola Cattedrale Oria febbraio 2018

Oria, domenica 17 agosto 2008: la Cupola della Basilica Cattedrale rivestita da mattonelle policrome.

Cupola Basilica Cattedrale Oria 2008

La cattedrale, per volere di Sua Santità Giovanni Paolo II, è stata elevata nel 1992 a Basilica Pontificia Minore.

LA BASILICA
È dedicata a Maria Santissima Assunta in Cielo. Nel 1750 il vescovo di Oria mons. Castrese Scaja fece demolire la vecchia struttura in stile romanico del XIII secolo perché pericolante dopo il disastroso terremoto del 20 febbraio 1743. Due colonne del tempio furono acquistate per ottomila ducati per abbellire la cappella della Reggia di Caserta. La nuova chiesa fu aperta al culto intorno al 1756 dal vescovo De Los Rejes. Spicca la facciata in carparo locale. A sinistra si erge la torre dell’orologio e dietro quella campanaria. Il tutto è poi dominato dalla superba cupola policroma. All’interno presenta una pianta a croce latina divisa in tre navate: una struttura che è valsa l’appellativo “San Pietro in piccolo”. Si possono ammirare pregiati marmi e stucchi, quattro preziosi candelabri in bronzo e artistiche statue tra le quali quelle dei Santi Medici di scuola veneziana e quella del protettore San Barsanofio di scuola napoletana. In occasione del recente restauro, sono venute alla luce alcune cripte servite negli anni come tombe dei vescovi e ossari. Oggi è possibile ammirarle effettuando una escursione nell’ipogeo dove sono conservati reperti archeologici e un presepe permanente ambientato nello scenario della città. La cattedrale, per volere di Sua Santità Giovanni Paolo II, è stata elevata nel 1992 a Basilica Pontificia Minore. Attraverso la Cappella del Battistero, si giunge nell’oratorio dell’Arciconfraternita della Morte dove si possono ammirare le statue raffiguranti la Passione di Cristo che vengono portate a spalla durante la processione del Venerdì Santo. Attraverso una scala si accede poi nella “cripta delle Mummie”, un oratorio del Cinquecento nelle cui pareti sono state ricavate delle nicchie che conservano ancora i cadaveri mummificati di confratelli delle varie epoche.

Foto in alta qualità pubblicate sulla Pagina Facebook di Oria online:
https://www.facebook.com/oria.online/photos/pcb.10157706009069644/10157706000669644/?type=3&theater

Controllare anche

Pacco solidale 2019 Peluso

Pacco solidale Natale 2019: applicato il vecchio concetto clientelare?

Pacco solidale dimezzato: il Coordinatore di F. I., ex assessore ai servizi sociali, Peluso: ignorata la valenza del Protocollo firmato tra Comune e Caritas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi235
Tweet
WhatsApp
Email