Home / Oria / Delibera del Consiglio sui lavori di riqualificazione di piazza Lorch

Delibera del Consiglio sui lavori di riqualificazione di piazza Lorch

Lavori-piazza-Lorch

Il Consiglio Comunale riunitosi in seduta straordinaria lunedì 19 ottobre, alle ore 18,00, presso la sala consiliare della sede Municipale ha trattato e deliberato in merito all’argomento posto all’o.d.g.:
01) Lavori di rifacimento Piazza Lorch. Determinazioni.

Considerato che inspiegabilmente i lavori presso il cantiere, compresi quelli di scavo archeologico, sono rimasti fermi dal 25/9 fino ad oggi, mettendo a serio rischio il rispetto dei tempi per la rendicontazione dei lavori e, di conseguenza, la stessa copertura finanziaria dell’opera,
il Consiglio ha deliberato di dare indirizzo al Sindaco:
1- di presentare alla Regione Puglia richiesta di proroga ai termini per l’ultimazione dei lavori e per la rendicontazione delle opere originariamente previste tenendo conto dei ritrovamenti archeologici, che costituiscono causa di forza maggiore, escludendo categoricamente l’ipotesi di stralcio dell’intervento di Oria dal progetto unitario di riqualificazione urbana concesso al raggruppamento dei Comuni avente come Ente Capofila il Comune di San Pancrazio Salentino;
2- che i lavori di rifacimento di piazza Lorch riprendano con la massima urgenza e che venga adottata ogni azione utile a terminarli in tempi brevi, anche per scongiurare ogni ipotesi di perdita dei finanziamenti europei;
3- che qualsiasi variante da adottarsi sia comunque rispettosa della destinazione d’uso della piazza e delle finalità per cui il progetto di riqualificazione di che trattasi è stato finanziato;
4- Che l’obiettivo primario di terminare i lavori di riqualificazione di piazza Lorch in tempi brevi e di non perdere i finanziamenti europei sia considerato comunque prioritario rispetto all’esigenza di valorizzare e rendere fruibile l’area archeologica rinvenuta o le altre che si dovessero ancora rinvenire;
5- Che la eventuale valorizzazione dell’area archeologica debba avvenire secondo le seguenti modalità: – Attraverso la realizzazione di un piano di calpestio trasparente, oppure di botole chiuse da superfici trasparenti, in modo da preservare la superficie calpestabile per l’intera estensione della piazza; – Oppure, qualora non siano tecnicamente praticabili le ipotesi suddette, prevedere soluzioni tali (quali ad esempio la realizzazione di recinzioni; anche con reti, a congrua altezza e sistemi di videosorveglianza) da impedire che l’area archeologica possa diventare ricettacolo di rifiuti ed essere esposta all’azione del vandali;
6- Di inviare il presente Ordine del Giorno al Servizio Assetto del Territorio della Regione Puglia, al Sindaco del Comune di San Pancrazio Salentino, al Sindaco del Comune di Latiano, alla Soprintendenza Archeologica della Puglia, alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Lecce, Brindisi e Taranto, al Rup arch. Cosimo Stridi e al Direttore dei lavori arch. Maria Funiati.

Hanno votato a favore: il Sindaco Cosimo Ferretti, Glauco Caniglia, Cosimo Patisso, Gianfranco Sorrento, Leonzio Spina, Giovanni Trentino, Antonio Fullone, Cosimo Conte.

Hanno votato contro: Maria Carone, Tommaso Carone, Angelo Mazza, Antonio Proto.

Astenuti: Claudio Zanzarelli.

Assenti: Ermanno Vitto, Antonio Micelli.

Usciti poco prima della votazione: Cosimo Pomarico, Francesco Biasi.

[Google]

Controllare anche

Dal terremoto di Messina a San Pasquale Rogazionisti

Dal terremoto di Messina a San Pasquale con i Rogazionisti di P. Annibale

Dal terremoto di Messina a San Pasquale: iniziava, 110 anni fa, a Oria, l’opera dei Rogazionisti, caritatevole e di formazione artigianale degli orfanelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi
Tweet
WhatsApp
Email