Home / Oria / Diocesi di Oria: l’arcivescovo Castoro è tornato alla casa del padre

Diocesi di Oria: l’arcivescovo Castoro è tornato alla casa del padre

Il Vescovo della Diocesi di Oria, S. E. Mons. Vincenzo Pisanello, annuncia il ritorno del suo predecessore, l’arcivescovo Michele Castoro, alla casa del padre. Lunedì 14, con il presbiterio e l’intera comunità diocesana di Oria, sarà celebrata una Santa Messa in suo suffragio.

Vescovo Michele Castoro RIP
Cliccare sull’immagine per ingrandirla!

Il vescovo di Oria Vincenzo Pisanello annuncia alla comunità diocesana che nella scorsa notte è tornato alla casa del Padre mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e suo predecessore sulla cattedra oritana.

Mons. Castoro è stato vescovo di Oria dal 2005 al 2009; alla Chiesa di Oria ha donato le primizie del suo ministero episcopale, mostrandosi padre accogliente e premuroso, pastore colmo di carità, raffinato uomo di cultura.

Le esequie dell’arcivescovo  saranno celebrate lunedì 7 maggio alle ore 16.00 nella chiesa nuova di San Pio da Pietrelcina in San Giovanni Rotondo.

Vescovo Castoro Oria Istituto

Il vescovo Vincenzo celebrerà, con il presbiterio e l’intera comunità diocesana di Oria, una santa Messa in suffragio dell’arcivescovo Castoro lunedì 14 maggio (XIII anniversario dell’elezione di mons. Castoro alla cattedra oritana) alle ore 20.30 nel santuario di San Cosimo alla Macchia in Oria.

Prof. Pierdamiano M. Mazza
Direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali e la Cultura della Diocesi di Oria

Diocesi di Oria
piazza Cattedrale, 9
72024 – Oria (Br)

Controllare anche

A Oria, in contrada Gallana si festeggia la Madonna Assunta

Mercoledì 15 agosto 2018, in contrada Gallana, festeggiamenti per la Madonna dell’Assunta: Messe all’aperto, processione, fuochi, banda, complesso musicale.

Un commento

  1. Mi dica il prof. Mazza: la cattedra oritana, alla quale mons. Castoro, di venerata memoria, fu, a suo tempo, eletto, è ancora presente nella basilica cattedrale di Oria? Se così è, perché ricordare e suffragare l’illustre Presule nella stessa data di quella elezione (ottima idea!), ma non nell’unica chiesa madre di tutte le chiese della diocesi, dove soltanto il vescovo ha la sua cattedra dalla quale dovrebbe esercitare il suo alto magistero, come ha sempre fatto l’amabile mons. Castoro? A meno che il santuario di S. Cosimo non sia divenuto una concattedrale! La prego di non addurre come motivazione necessità di carattere logistico alle quali potrei non dare credito. Con stima
    Luigi Neglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi12
WhatsApp
Tweet
+1