Home / Archivio / Dalla provincia / Festa della Madonna del Rosario a Brindisi

Festa della Madonna del Rosario a Brindisi

ACLI Città di Brindisi

Venerdì 7 ottobre 2011, Festa della Madonna del Rosario a Brindisi. Cenni storici della festa, della chiesa del Cristo e programma.

Festa della Madonna del Rosario a Brindisi

Cenni storici della Festa

L'origine della Madonna del Rosario è stata attribuita all'apparizione di Maria a San Domenico nel 1208 a Prouille, nel primo convento da lui fondato.

La Chiesa cattolica celebra la festa della Madonna del Rosario il 7 ottobre di ogni anno. Questa festa fu istituita con il nome di "Madonna della Vittoria" dal papa Pio V a perenne ricordo della battaglia di Lepanto, svoltasi appunto il 7 ottobre del 1571, nella quale la flotta della Lega Santa (formata da Spagna, Repubblica di Venezia e Stato della Chiesa) sconfisse quella dell'Impero Ottomano.

Il successore, papa Gregorio XIII la trasformò in festa della "Madonna del Rosario": i cristiani attribuirono il merito della vittoria alla protezione di Maria, che avevano invocato recitando il Rosario prima della battaglia

Nella basilica di Pompei – città la cui patrona è proprio la Madonna del Rosario – si conserva una tela attribuita alla scuola di Luca Giordano, di non eccelso valore artistico e restaurata, ma di notevolissimo valore spirituale poiché oggetto di culto molto intenso e diffuso, con pellegrinaggi che si concentrano durante le due suppliche, l'8 maggio e la prima domenica di ottobre. Il noto Santuario è mèta di oltre 4 milioni di pellegrini l'anno che giungono a Pompei per venerare la Madonna del Rosario. Sia papa Giovanni Paolo II, sia papa Benedetto XVI si sono recati a Pompei per dimostrare il loro affetto e il loro amore verso la Madonna del Rosario.

Cenni storici sulla chiesa

La chiesa del Cristo o del Crocifisso (anche chiesa di San Domenico), si trova a Brindisi.

Fu eretta nel 1232 da frate Nicola Paglia di Giovinazzo: fu insediamento dei Domenicani.

Ha una facciata cuspidata a corsi alternati di pietre bianche e grigie, con coronamento d'archetti a scalea e un grande e ricco rosone (di restauro).

L'interno è a un'unica navata, con tetto a capriate e arco trionfale a sesto acuto, a cui si collega direttamente la modesta parte absidale, quattrocentesca (l'originaria venne demolita per consentire la costruzione delle mura cittadine). A destra dell'ingresso, in una nicchia, Madonna in trono, d'intagliatore italo-francese (di recente restaurata), e all'altare maggiore, Crocifisso (probabilmente di arte tedesca), ambedue considerate tra le più notevoli sculture lignee dipinte del XIII secolo in Puglia. Alle pareti due altari barocchi: quello destro dedicato alla Madonna del Rosario fu commissionato dal comandante del Castello a Mare.

Programma

Controllare anche

Giornata-diocesana-del-malato-Oria

Giornata Diocesana del malato e Festa dei martiri Cosimo e Damiano

Giornata Diocesana del malato presso il Santuario di S. Cosimo alla Macchia: S. Messa con la supplica ai SS. Medici e Benedizione Eucaristica del Vescovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi
Tweet
WhatsApp
Email