GiocOria, attività educative con l’ausilio di animali: A cavallo con l’Araldo

Assessorato ai Servizi Sociali: utilizzare il cavallo al passo, così il bambino sperimenta una sensazione simile a quella del cammino umano.

Giocoria Cavallo

GiocOria 2017 COMUNE di ORIA
Un tuffo nel passato dal titolo: A cavallo con l’Araldo.
Attività educative con l’ausilio di animali.
«Il concetto di fondo è quello di utilizzare il cavallo al passo, facendo sì che il bambino sperimenti una sensazione simile a quella del cammino umano». Tutto questo in totale sinergia con la famiglia. Una sensazione non riproducibile da nessuna macchina, perché arricchita dall’empatia che si stabilisce tra cavallo e cavaliere e dalle concomitanti sensazioni ed emozioni che l’animale suscita.
Continuano i cicli di attività che mirano all’integrazione.
Equiriab si occupa di riabilitazione equestre, terapia riabilitativa psico-ludico-educativa rivolta a utenti con differenti disabilità psichiche e neurologiche, fisiche. Ma, non da meno, quella che deriva da situazioni esposte al disagio sociale, fattori di emarginazione e povertà culturale. Deficit intellettivi.
Le attività sono state svolte in più momenti:
attività a terra e attività sul cavallo, entrambe collegate tra loro. L’attività fortemente voluta per affinare momenti terapeutici.
L’allestimento del campo è stato curato dall’associazione Equiriab, grazie alla messa a disposizione di alcuni oggetti di scena e d’arredamento, gentilmente forniti dalla Proloco e dalla compagnia d’arme Milites Friderici II di Oria. Senza creare alcuna distinzione​ nei gruppi é stata somministrato un laboratorio durante il quale sollecitando la manualità, si sono realizzati corone scudi e spade da indossare durante il giro a cavallo e la spiegazione delle armi esposte. L’Assessorato ai Servizi Sociali ringrazia Margherita Mola, Lucio Epifani istruttore ausiliario, Davide e Claudia collaboratori.

[Google]

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share34
Tweet
WhatsApp
Email