Il Partito Democratico di Oria mantiene prestigio, simbolo e storia

Partito Democratico
Partito Democratico

Il Circolo PD “G. Falcone” di Oria è ancora vivo. I componenti la segreteria del circolo “G. Falcone” del Partito Democratico di Oria ringraziano i tanti elettori che hanno scelto di votarci nell’ultima tornata elettorale per le elezioni dei consigli comunale e regionale. Crediamo di aver superato brillantemente l’esame. È stata una campagna elettorale difficile e dura, ma alla fine la coerenza è stata ripagata. Hanno perso, invece, i tanti che aspettavano il risultato di queste elezioni per demolire il circolo PD di Oria e assumerne il comando, contando sull’appoggio del segretario provinciale. Hanno utilizzato manovre più o meno subdole con accuse, calunnie e insinuazioni per indebolire la posizione morale di quelle persone che con grande sacrificio e tanta buona volontà hanno tenuto la schiena dritta e mantenuto il prestigio di un circolo, di un simbolo e di una storia. Da oggi il PD ad Oria può continuare ad avere un riferimento in consiglio comunale. È quello che chiedevano i tanti elettori che hanno scelto il PD nonostante a remare contro ci fossero proprio alcuni ex pseudo-PD. A partire dal segretario provinciale Maurizio Bruno che ha pubblicamente sostenuto la candidatura a Sindaco della dott.ssa Maria Lucia Carone, contro il PD che presentava un suo candidato, al quale lo stesso Bruno ha firmato l’autorizzazione all’uso del simbolo. Una situazione paradossale ed allarmante. A nostro avviso sufficiente per chiedere con urgenza le dimissioni di Bruno da Segretario Provinciale. Dispiace parlare di un circolo pieno di veleni, ma, credeteci, di fronte a tante iniziative volte ad “asfaltare” (così come qualcuno ha avuto l’ardire di scrivere) la locale sezione, avevamo il dovere di continuare a lavorare, rifiutando inviti deplorevoli come quello di partecipare all’elezioni con una lista civica a sostegno della Carone. La Carone poteva senz’altro essere la nostra candidata ideale, ma quello che proprio non potevamo fare era disconoscere il nostro simbolo di cui siamo sempre stati fieri. Sono stati tanti quelli che dopo aver provato ad annientare la segreteria del nostro circolo (avevano provato illegittimamente a commissariare il circolo) hanno migrato verso altri partiti e liste civiche in questa competizione elettorale, alcuni a sostegno del candidato Ferretti, altri a sostegno della Carone, salvo poi scandalizzarsi per l’indirizzo di voto al ballottaggio dato da questa segreteria che, invece, aveva tutto l’interesse che vincesse Ferretti, perché era l’unico modo per continuare ad essere presenti in consiglio comunale. Non vi è stato alcun accordo ufficiale con il nuovo Sindaco, né tantomeno poltrone assessorili sono state richieste o promesse. Ciononostante il circolo PD di Oria resta pronto a collaborare con l’attuale maggioranza nell’esclusivo interesse della città. Altro avvenimento che riteniamo importante precisare è che al turno di ballottaggio non siamo stati contattati dal candidato Sindaco Carone, e, neanche il Segretario Provinciale del PD Maurizio Bruno si è speso a favore di un apparentamento ufficiale del PD, ritenendo sufficiente il suo appoggio personale e quello di quei pochi tesserati che lui ha definito “le uniche persone per bene del PD”. I fatti, invece, hanno voluto che l’appoggio del circolo PD locale risultasse, a detta di tutti, determinante nell’elezione del nuovo Sindaco. Altra posizione vincente di questa nostra segreteria è stato l’appoggio incondizionato alle elezioni regionali a Giuseppe Romano. Quest’ultimo è risultato il più suffragato del PD ad Oria, il più suffragato in provincia e, soprattutto, è stato rieletto consigliere regionale. Un grande risultato che ci permette di avere un riferimento importante anche nel consiglio regionale. Ora, però, con i risultati elettorali alle spalle il circolo PD di Oria sa bene che è importante voltare pagina. È necessario lavorare con la speranza di ripristinare un dialogo costruttivo con quanti sono all’interno del PD. Basta con le lotte intestine, urge occuparsi dei problemi del territorio, anche attraverso, se necessaria, una riorganizzazione del partito. A cominciare dalla segreteria provinciale.

I componenti della Segreteria

[Google]

Controllare anche

amati per amare festa fidanzati

Amati per Amare: Festa diocesana dei Fidanzati. Pastorale della Famiglia

Dalla recente lettera pastorale del vescovo Vincenzo, ChiAmati per ChiAmare, alla Festa dei Fidanzati 2020 dedicata al tema Amati per Amare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi
Tweet
WhatsApp
Email