Il Presidente del Consiglio Provinciale di Brindisi scrive al Ministro Brunetta

Il Presidente del Consiglio avv. Nicola Massari
Nicola Massari
Il Presidente del Consiglio Provinciale di Brindisi, avv. Nicola Massari, scrive al Ministro Brunetta. Disattesa la normativa che impone l'utilizzo della posta elettronica nello scambio di dati e di tutte le altre comunicazioni riguardanti lo svolgimento delle varie funzioni. (Carpe diem Oria)


Egr. Sig.
Prof. Renato BRUNETTA
Ministro per la P.A.
R O M A

S.E. IL PREFETTO DELLA
PROVINCIA DI
BRINDISI

 

Premetto che attualmente rivesto la carica di Presidente del Consiglio della Provincia di Brindisi.
Il Governo della Repubblica, presieduto dall’On. Berlusconi, nel lodevole e condivisibile intento di ottenere una gestione oculata delle risorse finanziarie ha, tra l’altro, emanato due norme l’art.27 L.133/2008 e l’art.32 L.69/2009 che impongono l’utilizzo della posta elettronica nello scambio di dati e di tutte le altre comunicazioni riguardanti lo svolgimento delle varie funzioni.
In ossequio a tale normativa con nota del 25.09.2009, l’Assessore al Bilancio della ns. Provincia, assieme al Dirigente del Servizio finanziario, hanno impartito al Dirigente Affari Istituzionali, dr. Gianfreda, la disposizione ad inviare ai Consiglieri provinciali tutti gli atti tramite e-mail.
Nella seduta del Consiglio Provinciale del 4 marzo, al primo punto dell’O.d.G. recava l’approvazione del verbale della precedente seduta del 27.1.2010.
Prendeva la parola il Consigliere Urso per il gruppo MPA e diceva di non potere approvare il verbale medesimo perché non gli era stato inviato il relativo documento cartaceo. Continua…

Controllare anche

Regata Idrusa Theleton

Regata Velica Internazionale Brindisi – Corfù da record

Una regata da vivere! Idrusa con Ileana Pizzolla e al comando di Montefusco, campione mondiale di vela, rappresentava la Fondazione Telethon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email