La Reliquia del Cuore di Sant'Annibale è giunta ad Oria

Santuario di Sant’Antonio a San Pasquale

Reliquia santo Annibale

Per la conclusione delle celebrazioni centenarie delle Opere di Sant’Annibale Maria Di Francia in Oria, nel pomeriggio di martedì 26 gennaio è giunta da Messina all’Istituto Antoniano di San Pasquale, in forma riservata, l’insigne reliquia del Cuore incorrotto del Santo conosciuto come padre degli orfani e dei poveri e apostolo della preghiera per le vocazioni.

Un anno fa la reliquia fu accolta con grande onore prima a Francavilla Fontana e poi a Oria, dalle autorità religiose, civili, militari, dai ragazzi delle scuole e dall’intero popolo devoto al Santo, per dare inizio al Centenario delle Opere iniziate dal Fondatore e ora dirette dai Rogazionisti e dalle Figlie del Divino Zelo con la collaborazione di molti laici che si sentono figli del Padre Annibale Di Francia.

La preziosa reliquia esposta solennemente nel Santuario di Sant’Antonio a San Pasquale, in questi giorni visiterà le comunità del Parietone e di S. Benedetto, dove le suore Figlie del Divino Zelo hanno strutture educative per minori e per ragazze madri. Anche i padri Rogazionisti hanno una struttura educativa per minori a San Pasquale, conosciuta in tutto il Salento e nel vasto territorio pugliese come cooperativa onlus C.ED.RO.

La reliquia sarà portata nelle chiese parrocchiali di Oria secondo questo programma: venerdì 29 gennaio a San Domenico, sabato 30 a San Francesco di Paola in San Barsanofio, domenica 31 a San Francesco d’Assisi e lunedì 1 febbraio nella Basilica Cattedrale, dove resterà fino alla celebrazione eucaristica del giorno 2 febbraio alle ore 18.00, presieduta da S. E. Mons. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, con la quale si concluderanno le manifestazioni giubilari del Centenario nella Città e Diocesi di Oria.

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email