Lecce – No tengas miedo: un film sull’abuso intrafamiliare

 

Lecce -Festival del Cinema Europeo

È organizzato dall’associazione culturale “art Promotion”, sovvenzionato dalla città di Lecce, dalla Regione Puglia riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come manifestazione d’interesse nazionale, 

Ogni anno accoglie a Lecce numerosi ospiti internazionali: registi, attori, produttori e distributori che intervengono per presentare i loro film ed incontrare il pubblico, offrendo una testimonianza diretta della propria attività in un confronto vitale e stimolante con il cinema.

Il programma del Festival comprende il Concorso di lungometraggi europei in anteprima nazionale, 

Tra questi il film NO TENGAS MIEDO del regista spagnolo Montxo Armendáriz (nato nel 1949 ad Olleta, Spagna) che ha intrapreso una carriera fatta da regia e scrittura di film di fama internazionale, dando risalto soprattutto alle   questioni sociali.

Il film racconta di Silvia è una giovane ragazza segnata da un’infanzia oscura. Quando a quasi 25 anni decide di ricominciare ad affrontare le persone, i sentimenti e le emozioni che la tengono ancorata al passato. Nella sua battaglia contro le avversità e contro se stessa, imparerà a controllare le sue paure e a diventare un adulta, responsabile delle sue stesse azioni. 

Del suo film il regista così scrive:

“So che è un film controcorrente rispetto a quelli considerati commerciali e politicamente corretti, ma volevo che il racconto mantenesse la durezza e la veracità di questa terribile situazione perché la gente potesse sentirla e intuirla attraverso il film. Volevo che lo spettatore fosse preso dall’angoscia e dal disagio che vivono le vittime, quasi senza sostegno sociale, nell’anonimato più totale e nel silenzio, senza osare parlare… Volevo che il film fosse asciutto e che riflettesse la verità di qualcosa che è davanti a noi e che non vogliamo vedere.”

Il film mette in evidenza una problematica molto difficile quale appunto l’abuso e le violenze intrafamiliari.

Per approfondire tutto ciò venerdi 20 aprile presso il teatro Massimo alle ore 11 ci sarà, dopo la proiezione del film, un incontro dibattito con il regista del film, con  la Dott.ssa Anna Rita Verardo psicoterapeuta, esperta di psicotraumatologia nell’infanzia e membro della commissione europea  Bambini, con  la Dott.ssa Paola Serravezza psicoterapeuta supervisore EMDR e il Prof Giovanni Invitto, Preside della facoltà di Scienze della Formazione dell’Università del Salento.

A questo dibattito hanno dato il loro patrocinio L’Ordine degli Psicologi Regione Puglia, la Facoltà di Scienze della Formazione, L’associazione EMDR Italia, La SIPEM società di Psicologia dell’Emergenza.

 

SPAIN

DON’T BE AFRAID No tengas miedo

2011 – 35mm – colore – 90’

Regia Direction: Montxo Armendáriz

Sceneggiatura Screenplay: Montxo Armendáriz, María Laura Gargarella

Cinematografia Cinematography: Álex Catalán

Montaggio Editing: Fernando Franco

Scenografia Set design: Julio Torrecilla

Suono Sound: Carlos Bonmatí

Costumi Costumes: Nereida Bonmati

Interpreti Cast: Michelle Jenner, Lluís Homar, Belén Rueda, Nuria Gago, Rubén Ochandiano

Produttore Producer: Puy Oria

Produzione Production: Oria Films, S.L.

World sales: Funny Balloons, 4 bis rue Saint Sauveur 75002 Paris – France, Tel : (33) 1 40 13 05 86, Fax : (33) 1 42 33 34 99, info@funny-balloons.com

SINOSSI

Silvia è una giovane ragazza segnata da un’infanzia oscura. Quando ha quasi 25 anni decide di ricominciare ad affrontare le persone, i sentimenti e le emozioni che la tengono ancorata al passato. Nella sua battaglia contro le avversità e contro se stessa, imparerà a controllare le sue paure e a diventare un’adulta, responsabile delle sue stesse azioni. 

IL REGISTA: MONTXO ARMENDÁRIZ

Montxo Armendáriz (nato nel 1949 ad Olleta, Spagna) laureato in elettronica (1969) lavora in questo campo come professore fino al 1982. Nel 1999 fonda la Oria Films production. Corti: Barregarriaren Dantza (1979), Ikusmena (1980), and Ikuska 11 (1981). Il suo primo lungo, Tasio (1984), riceve una Conchiglia d’Argento a San Sebastian per la regia, ha intrapreso una carriera fatta da regia e scrittura di film di fama internazionale. Ha continuato con le questioni sociali nei film 27 Hours (1986), Letters from Alou (1990) – Conchiglia d’Oro a San Sebastian, Stories from the Kronen (1995) – in programma a Cannes,  Secrets of the Heart (1997) – Blue Angel alla Berlinale per Miglior Film Europeo , nominato per un Oscar, Broken Silence (2001), Traveling Stage (2003), Obaba (2005), Don’t Be Afraid (2011)

NOTA DI REGIA

“So che è un film controcorrente rispetto a quelli considerati commerciali e politicamente corretti, ma volevo che il racconto mantenesse la durezza e la veracità di questa terribile situazione perché la gente potesse sentirla e intuirla attraverso il film. Volevo che lo spettatore fosse preso dall’angoscia e dal disagio che vivono le vittime, quasi senza sostegno sociale, nell’anonimato più totale e nel silenzio, senza osare parlare… Volevo che il film fosse asciutto e che riflettesse la verità di qualcosa che è davanti a noi e che non vogliamo vedere.”

FILMOGRAFIA

1979 Barregarriaren dantza (short)

1980 Ikusmena (short) 

1981 Ikuska 11 (short)

1984 Tasio 

1986 27 Horas (27 Hours)

1990 Las cartas de Alou (Letters from Alou)

1995 Historias del Kronen (Stories from the Kronen)

1997 Secretos del corazon (Secrets of the Heart)

2001 Silencio roto (Broken Silence)

2003 Escenario móvil (Traveling Stage, doc) 

2005 Obaba

2011 No tengas miedo (Don’t be afraid)

PREMI E FESTIVAL/ AWARDS AND FESTIVALS

2011 Karlovy Vary IFF: in Concorso 

2012 Cinema Spanish Writers Circle Award: Miglior Attrice, candidature per Miglior Regista, Film, Attrice non Protagonista 

2012 Goya Awards: candidatura come Miglior Attrice Esordiente 

2012 Sant Jordi Awards: Miglior Attrice Spagnola 

Controllare anche

Giuseppe Vitale di Oria

Giuseppe Vitale, attore di Oria, nel cast del film L’età d’oro

Dal suo esordio con "L’amore ritorna" di Rubini, Vitale aggiunge un’altra perla alla sua carriera di artista con l’ultima opera cinematografica di Piovano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email