“LI SATIRI” in scena a Cellino San Marco

 

La commedia di Catone Tersonio sottolinea con tratti arguti ed esileranti i dissapori famigliari per le solite questioni di rapporti tra parenti, la difficile convivenza con  un padre anziano, la latitanza del marito che fanno della vita di Tetta una vita d'inferno. Nel momento in cui sta per cedere alla disperazione, un colpo di scena  riporta  la donna ad una dimensione più accettabile. 

Li SatiriIl quid drammatico sembra collocarsi in un qualsiasi contesto temporale per l'esistenza degli elementi ricorrenti nelle vicende esistenziali dell'uomo di tutte le epoche. 

Nonostante i temi di evidente drammaticità, l'abilità del regista Antonio Cortese, e la capacità espressiva sempre più ricca degli attori dell’Associazione Culturale e Teatrale “Li Satiri”, rendono allo spettatore una divertente, ironica e sorprendente performance teatrale.

Lo stile inconfondibile di Catone si caratterizza, nel contesto della produzione dialettale popolare del territorio salentino, per la continuità creata con la tradizione della Commedia dell'arte: la riproposizione di maschere fisse, l'alternanza di prosa e versi, con l'incredibile recupero di un dialetto che va sempre più rarefacendosi e la cura dei costumi d'epoca, di incredibile impatto scenico.

Tra sonore risate e “quadri” da “Arte della Commedia”, sono tanti i messaggi e gli spunti di riflessione offerti dalla rappresentazione che “bucano” il tempo e diventano trasversali ed adatti ad ogni epoca fino a diventare di grande attualità: l’abbandono, la malattia, il rapporto con gli anziani, la sindrome di Burnout, etc. Non manca la geniale follia di Ciccillo Folletto, maschera teatrale creata dalla penna di Catone Tersonio, che, con un gran colpo di scena finale, risolverà la spinosa questione.

Gli interpreti della commedia sono: Speranza Cacciatore, Giuseppe Giacovelli, Michela Cipriano, Antonio Cortese, Mimmo Gorgoni, Alessandro Micelli, Teresa Falcone, Jolanda De Mitri e Francesca Errico; 

i collaboratori: Liliana Gatti, Mino Neglia, Luigi Nibio, Antonio Maizza, Daniela Mongelli, Mirella Ignone e Antonio Destino;

Regia di Antonio Cortese

Ospite della serata sarà il Prof. Alessandro Distante, Presidente dell’ISBEM (Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo) che farà una breve introduzione allo spettacolo. 

Sipario ore 20.30

Per informazioni: info@lisatiri.it – tel. 339 6859588 

Controllare anche

A Mesagne va in scena: Voglio vivere così ovvero alla meštra ti cusutu

L’atto unico di Catone Tersonio è una farsa molto divertente, scorrevole, piena di ritmo e con situazioni e personaggi esilaranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email