LUNA PIENA, STORIE E LEGGENDE NEL CASTELLO DI ORIA

Castello di Oria, via Castello – 72024 Oria – segreteria 0831 845659 – info@castellodioria.it – Sito internet: www.castellodioria.it

La luna piena di luglio rischiarerà storie, miti e leggende del Castello di Oria. Questa sera, venerdì 15 luglio, turisti e visitatori saranno portati “Oltre il Castello”: questo il titolo del secondo appuntamento della bella rassegna di attività, “Un Castello da Raccontare”, che colorano l’estate del maniero posto a “vedetta” tra due Mari, a metà strada tra Brindisi e Taranto.

LUNA PIENA, STORIE E LEGGENDE NEL CASTELLO DI ORIA

 

Dalle ore 20.30 alle ore 23.00, con ingressi programmati e con un biglietto di soli 5 Euro (gratuito per i bambini sino a dieci anni), turisti e visitatori potranno accedere nell’immensa Piazza d’Armi e lasciarsi guidare da un bizzarro menestrello tra sale e camminamenti sotto le torri.  

La famiglia Romanin Caliandro, proprietaria del Castello, apre questo meraviglioso e restaurato Monumento Nazionale alla fruizione pubblica attraverso una serie di attività per grandi e bambini. 

Si tratta quindi di una bella occasione per visitare l’area monumentale del Castello di Oria  animato con piccole scene di vita quotidiana e da tante figure del passato che caratterizzano i ricordi e i sogni di questo castello secolare. 

Dal feudatario normanno, alla dama sua consorte, dal cavaliere svevo caduto in rovina alla fanciulla che secondo la leggenda si gettò dalla torre per sottrarsi alle pretese del prepotente signore: tutti narreranno la propria storia, mista a leggenda. Gli spettatori si muoveranno con loro per ascoltarli, osservarli nelle loro attività e scoprire le loro abitudini. 

La Torre Quadrata sarà di nuovo il cuore del Monumento e della vita nel castello, i lunghi camminamenti sentiranno ancora i rumorosi soldati che tra ronde, vino e giochi non mancheranno di dar prova della loro abilità con la spada. Personaggi emblematici, misteriosi e anche bizzarri saranno protagonisti di un’esperienza magica per tutti, all’ombra delle torri e delle mura merlate. “Il ricordo lega l’uomo al tempo e lo colloca in un determinato ambiente. La memoria collettiva, insieme ai ricordi di ciascuno, edifica l’identità di un luogo e di un territorio. Testimoni irripetibili del nostro passato, i monumenti raccontano la storia di un popolo, la vita e le gesta di  molte persone che si sono susseguite fino ai giorni nostri.  Andare oltre le mura significa cercare e vedere qualcosa oltre le pietre, l’architettura; significa scorgere l'anima più profonda di questi beni meravigliosi” – dichiara Mino Candita, autore dei testi delle scene che saranno interpretate dalla Compagnia d'Arme “Milites Friderici II”, associazione che già da tempo si occupa di rievocazione storica, conosciuta ed apprezzata a livello locale ed internazionale.

Controllare anche

Storytelling AVIS ORIA

Storytelling AVIS ORIA: raccolta di storie legate alla prima donazione

Storytelling AVIS ORIA: progetto intitolato "il Giorno in cui… " ho iniziato a donare. Significative e brevi storie di vita legate alla prima donazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email