Mia madre non mi ama: D’Attoma a Oria parla di adolescenti

Con Mia madre non mi ama, l’associazione culturale Il Pozzo e l’Arancio affronta un tema di interesse sociale con la psicologa e psicoterapeuta D’Attoma.

Madre non ama

L’associazione culturale “Il Pozzo e l’Arancio”, proseguendo il suo pluriennale impegno nell’informazione su tematiche di interesse sociale, propone la presentazione del libro “Mia madre non mi ama” di Isabella D’Attoma, psicologa e psicoterapeuta.
L’appuntamento si terrà mercoledì 13 gennaio 2016 nella chiesa di San Francesco d’Assisi in Oria (Br), con inizio alle ore 19.30.
Nel corso della serata la dott.ssa D’Attoma tratterà le tematiche contenute nel suo lavoro di ricerca, frutto della sua lunga attività professionale. L’autrice inoltre risponderà alle domande di Luca Carbone, vicepresidente de “Il Pozzo e l’Arancio”.
L’iniziativa è particolarmente rivolta a operatori sociali e docenti, educatori e professionisti della formazione adolescenziale: a essi sarà riservato un momento di dibattito nella seconda parte dell’evento.
Agli intervenuti interessati l’Associazione rilascerà un attestato di partecipazione all’iniziativa di informazione, previa iscrizione da effettuarsi nel luogo dell’evento prima che questo abbia inizio.
Pierdamiano Mazza, presidente de “Il Pozzo e l’Arancio“, afferma: “Questa è un’occasione importante di confronto e informazione per la nostra comunità cittadina; la dott.ssa D’Attoma è una professionista stimata su tutto il territorio nazionale. La ringraziamo per aver accettato il nostro invito a parlare dei suoi studi e a presentare il suo libro: siamo certi che sarà un momento di valido arricchimento non solo per gli esperti ma anche per chi intende soltanto approcciarsi in modo consapevole alle esigenze dei nostri adolescenti“.

“Il Pozzo e l’Arancio”
associazione culturale

[Google]

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share16
Tweet
WhatsApp
Email