Oria – Allarme cani randagi (?) nella zona di Viale Ippocrate

Mentre risalivo viale Ippocrate da via Frascata, superata la recinzione in ferro dell’Ausl, sono stato “distolto” bruscamente dai pensieri nei quali ero assorto, dall’abbaiare e ringhiare di due cani, entrambi di colore fulvo, uno dei quali di mole abbastanza grossa, che correvano minacciosi verso di me. Non appena mi sono reso conto della situazione, che la mia gamba destra era lì per lì per essere azzannata, mi sono letteralmente buttato sulla gamba sinistra con la bici ancora in movimento, riportando una contusione e abrasione all’altezza della caviglia sinistra poco al di sopra del tendine d’Achille, colpito dal pedale della bici ancora in movimento. Non appena a terra e fermo ho afferrato con le due mani la bici, l’ho sollevata a mo’ di scudo e ho ringhiato peggio dei due cani, che spaventati a loro volta, sono scappati via. Ho seguito con lo sguardo la ritirata e li ho visti scomparire nei pressi di un’abitazione subito dopo un accatastamento di legna posto sulla sinistra, guardando da viale Ippocrate, e prima di una abitazione giallo senape, situata a sinistra del centro di emodialisi. Lì, c’era un terzo cane bianco, incatenato. Una situazione del genere, se fosse accaduta a dei bambini, a dei ragazzi, o ad un giovane in motocicletta, che frequentano la zona, quali conseguenze avrebbe potuto determinare? Ho segnalato l’accaduto non per un fatto personale, ma perché episodi simili a questo non dovrebbero mai verificarsi. Mi auguro che chi di competenza adotti tutte le necessarie misure cautelative che il caso richiede.

Dr. Fedelfranco Russo

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email