Oria, Diorami di Pasqua: inaugurazione della Mostra dei presepi pasquali

I Diorami di Pasqua sono la ricostruzione plastica tridimensionale di alcune scene della Passione di Gesù come nel tipico presepe di Natale.

Diorami Pasqua 2017

I DIORAMI DI PASQUA 2017
Domenica 5 Marzo alle ore 19:30 nella Chiesa di San Francesco d’Assisi si terrà la terza iniziativa promossa dal Gruppo di Promozione Umana insieme alla Parrocchia San Francesco D’Assisi, saranno presentati in una Mostra, giunta alla II edizione,“I Diorami di Pasqua” ossia “I presepi pasquali della Passione di N. S. Gesù Cristo”. Un “diorama” è la plastica ambientazione in scala ridotta che ricrea scene di vario genere.
DIORAMI Pasquali 2017I più antichi diorami sono probabilmente quelli realizzati nella prima metà dell’Ottocento da Paolo Savi e conservati presso il Museo di Storia Naturale e del Territorio di Calci (Pisa). Essi sono i primi esempi di ricostruzioni tridimensionali di interazioni tra animali ed all’epoca furono ritenuti di insuperabile qualità dai maggiori musei europei. Fra gli utilizzi più diffusi dei diorami i principali sono quello ad uso tecnico, soprattutto ingegneristico e architettonico (riproduzione di edifici, oggetti industriali e superfici), di istruzione e hobbystico che permette di ricreare particolari ambientazioni in scala, cercando di ottenere effetti quanto più possibile realistici, tra questi vi sono i Diorami o presepi cosiddetti di Pasqua. Da alcuni anni in Italia si è diffuso (specie al nord e qualche esempio al sud) anche il “Presepe Pasquale” con la ricostruzione plastica di scene tratte dalla Passione di Cristo che sempre più coinvolge artisti e appassionati del presepe. Il Gruppo, per valorizzare la Passione di Oria, ha intrapreso nel 2016 questo percorso nuovo con la realizzazione di alcuni Diorami che hanno riscosso un notevole interesse nella comunità. La Mostra dei Diorami di Pasqua che sarà presentata, anche quest’anno, prevede la ricostruzione plastica tridimensionale nella rappresentazione di alcune scene della Passione di Gesù Cristo nel tipico presepe con raffigurazioni molto suggestive ed evocative del culto pasquale. Sono stati coinvolti alcuni esperti oritani nell’arte del presepe natalizio ma che con la stessa arte si sono cimentati nella ricostruzione tipicamente artigianale nel rappresentare nei particolari i luoghi e gli ambienti dove si è svolta la Passione di Cristo. Nella I Edizione sono stati realizzati, e saranno esposti in chiesa, i seguenti Diorami da:
Maria Luisa Galiano: “La Trasfigurazione”;
Teresa Pipino: “L’Ultima Cena, la Lavanda dei piedi, l’Orto degli Ulivi“;
Giuseppe Felice: “La Via della Croce, la Crocifissione“;
Pierino Toscano: “La Resurrezione“.
Nell’edizione 2017 sono stati coinvolti altri appassionati del presepe, che esporranno le seguenti opere:
Cosimino Moretto: “L’INGRESSO DI GESÙ A GERUSALEMME”;
Pierino Toscano: “LA CONDANNA DI PONZIO PILATO”;
Enzo Carbone: “LA DEPOSIZIONE DI GESÙ DALLA CROCE”.

Questi Artisti, che hanno l’hobby del presepe ed un grande ingegno ed estro creativo, hanno realizzato altre raffigurazioni espressione di alcuni episodi evangelici tipici della settimana santa. La Mostra sarà presentata ed illustrata dall’ins. Angelo Galiano, esperto e ricercatore scrupoloso delle tradizioni cittadine ed è stata patrocinata dalla Città di Oria, dall’Ass. Europassione per l’Italia e Europassion. Si intende proseguire tale iniziativa nel corso dei prossimi anni arricchendola con altre scene della Passione, coinvolgendo altri esperti del presepe con la finalità di creare una mostra permanente del Diorama Pasquale, una novità nel nostro territorio. La particolare Mostra, in una suggestiva sequenza di “sette plastici” raffiguranti scene della Passione di Cristo, sarà visitabile tutti i giorni sino al 23 Aprile, Domenica “in Albis”, negli orari di apertura della Chiesa di San Francesco d’Assisi.

Comunicato in pdf

[Google]

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share13
Tweet
WhatsApp
Email