Oria – Due domande al Sindaco Ferretti e a Pino Carbone

Sinistra Ecologia e Libertà di Oria

Sabato pomeriggio 19 giugno si è svolta a Brindisi un'imponente manifestazione civica, organizzata dalle associazioni ambientaliste, per dire no all'impianto del rigassificatore a Capobianco e per la tutela della salute e dell'ambiente.
Come tutti sanno, il territorio di Brindisi è uno dei luoghi più inquinati del mondo e a rischio di incidenti rilevanti anche per la presenza massiccia di centrali a carbone e per una produzione di energia che sfiora l’80 per cento e che, senza alcun beneficio in cambio, doniamo al resto del Paese. L’impianto del rigassificatore a Capobianco, qualora realizzato, significherebbe la fine della vocazione turistica e crocieristica del porto e soprattutto la fine di una città delle acque che, come è stato detto, deve puntare sul “water front” e sul suo patrimonio culturale ed artistico. Ora, alla manifestazione di sabato hanno partecipato o, senza partecipare direttamente, hanno dato la loro adesione le principali forze politiche del centrosinistra e del centrodestra rappresentate in Parlamento e nelle istituzioni democratiche: dal sindaco Mennitti al senatore Saccomanno, dai consiglieri regionali Matarrelli e Friolo alle associazioni della destra, tutti uniti, insieme con il governatore Vendola, a dire alla Lng e a Enel che Brindisi non è una colonia, ma una terra che lotta per uno sviluppo capace di coniugare benessere ed occupazione. Oltre Mennitti, vi erano anche tanti sindaci del brindisino (San Pietro Vernotico, Ostuni, Mesagne, Fasano, ecc.), ma mancava il nostro. Anzi, il Comune di Oria non ha dato nemmeno l’adesione , e ciò in aperta contraddizione con quanto Ferretti va da anni affermando in Consiglio Provinciale, cioè di essere contrario al rigassificatore e di volere la riduzione del carbone nelle centrali. Allora: due pesi e due misure? A Oria in un modo e alla Provincia in un altro? E infine: il nostro illustre concittadino Pino Carbone, che ha nelle elezioni regionali raccolto una quantità enorme di consensi, che cosa pensa del rigassificatore a Capobianco? Che cosa pensa delle centrali al carbone? Credo che gli oritani che lo hanno votato e anche quelli che non lo hanno votato abbiano il diritto di chiedergli di distrarsi un momento dalle sue consuete attività e di rendere pubbliche le sue posizioni su materie così importanti per il nostro territorio.

Segreteria di SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ di ORIA 

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email