Oria, emergenza profughi, la protesta continua con una manifestazione autorizzata

Il Comitato organizzatore

Finalmente la questura ha dato il suo benestare per una manifestazione di protesta ad Oria.Il giorno 30 marzo alle ore 16:30 la Cittadinanza di Oria, le forze politiche e gli organi di stampa sono invitati a partecipare alla pubblica Manifestazione di protesta per l’emergenza profughi che si terrà al Rondò che immette sulla provinciale Oria-Manduria.

     L’obiettivo dell’iniziativa, scaturita dalla pubblica assemblea tenutasi lunedi 28 marzo 2011 presso il Comune di Oria, è sensibilizzare

le istituzioni nazionali, nonché le forze dell’ordine, verso i problemi che dopo l’arrivo dei migranti nordafricani attanagliano il territorio oritano.

     Come noto, purtroppo, questi primi 2 giorni di attività della tendopoli lungo la provinciale Oria – Manduria hanno prodotto considerevoli difficoltà alla popolazione. Oggi sono arrivati altri 824 profughi che continuano a fuggire dal campo loro riservato, si introducono nelle proprietà private ingenerando preoccupazione nei residenti e affollano la stazione nell’attesa di un treno.

Nessuno interviene e non ne capiamo il senso.

     La situazione peggiora. Vi sono evidenti carenze di Sicurezza e rischi per la Salute pubblica. Il sottosegretario all’Interno Alfredo Mantovano è stato a Manduria e ha promesso interventi risarcitori da parte del governo nazionale: ma ad Oria chi pensa?

 

     Si pregano vivamente la Cittadinanza, i politici locali e la stampa di partecipare numerosi perché la voce delle popolazioni locali finalmente giunga a chi di dovere.

Il Comitato organizzatore

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email