Oria, il Castello è per tutti

di Angelo Lippolis

Sul Castello grava un diritto, una servitù, prevista nell’atto di acquisto del 1933 e consolidatasi nel tempo: il Castello deve essere visitabile. Angelo Lippolis invita tutti, cittadini oritani e non, a costituirsi in un comitato spontaneo per il rispetto del nostro diritto a visitare il Castello.

Oria, il Castello è per tutti!
Poco prima di Natale scrissi un lettera aperta al Signor Romanin con la quale manifestavo il mio disappunto riguardo alla decisione di non consentire, d’amblé, per una autorizzazione negata o probabilmente non dovuta da parte dell’Amministrazione del Comune di Oria, la visita del Castello.
Ne avevo fatto un problema di sensibilità culturale e di rispetto nei confronti degli Oritani e dei suoi turisti; avevo sollevato il problema se la visita al Castello fosse dovuta per legge o per un qualche regolamento di una qualche Soprintendenza  in quanto Monumento Nazionale; mi ero imbattuto nella strada del Mecenatismo culturale e in virtù di tale principio avevo chiesto che il Castello non solo fosse visitabile ma anche illuminato la notte per renderlo visibile ai passanti.  
Sull’argomento sono poi fiorite una serie di storielle. Sembra che “qualcuno” voglia sovvertire l’ordine della storia. “Qualcuno” sostiene in giro che in realtà il castello è stato edificato in epoche non lontane e che in realtà non sia un Monumento Nazionale. E tra un po’ “qualcuno” giungerà a dire che è un moderno Prefabbricato rivestito in tufo, privo di qualunque valore storico per cui non ha senso visitarlo e che è utilizzabile per qualunque scopo.
BENE, ammesso che non sia un Monumento Nazionale, ammesso che non vi sia alcuna forma di tutela o di vincolo, indipendentemente da chi sia il proprietario, oggi Romanin e domani Piersilvio che scopertolo a causa di una bufala mediatica ha deciso di comprarlo, sul Castello grava un diritto, una servitù, prevista nell’atto di acquisto del 1933 e consolidatasi nel tempo: il Castello deve essere visitabile, tutti i giorni dall’alba al tramonto. La visita del Castello non è una concessione ma un nostro diritto.
Dico questo perché è quanto emerge dell’atto di provenienza del Castello, sottoscritto il 4 dicembre 1933 tra Il Comune di Oria, nella persona del suo Potestà Rocco Greco, e il Commendatore Martini Carissimo, atto redatto dal Notaio Luca di Castri al repertorio n. 13538 . Nell’atto si legge chiaramente che, al di là di ciò che possa prevedere qualunque legge dello stato, il proprietario del Castello e quindi chiunque dovesse succedergli, deve consentire la visita al Castello. In particolare si legge alla pagina 20 “il detto Com.re Martini Carissimo restaurerà il Castello come meglio crederà, dandone avviso alla Sopraintendenza delle Antichità e Belle Arti, e farà visitare le torri nei giorni e nelle ore che egli stesso vorrà designare a quei cittadini e forestieri che si recheranno a scopo culturale e storico”.
Mi si dice che il Conte Carissimo e successivamente sua Figlia Lavinia, resero visitabile il castello, dall’alba al tramonto, tutti i giorni dell’anno, dal restauro fino ai giorni nostri. Quindi, in virtù di tale atto e della successiva consuetudine, dovrebbe essere un diritto degli oritani e di qualunque turista poter visitare il castello, anzi le torri, con la stessa modalità.
Con questa lettera invito tutti, cittadini oritani e non, a costituirsi in un comitato spontaneo per il rispetto del nostro diritto a visitare il Castello. Vi comunico che martedì 15 marzo provvederò a protocollare presso il Comune di Oria una richiesta (che invierò per conoscenza  a tutti gli Enti competenti) affiché l’Amministrazione Comunale, o chi per essa, si renda parte diligente per il rispetto di tale diritto. Tale richiesta potrà essere firmata da tutti  coloro che vorranno aderirvi e potrà farlo presso l’Ottica Alighieri dove potrà prendere visione dell’intero atto di Provenienza del Castello. Tale lettera, nonché le 2 pagine essenziali dell’Atto di Provenienza sono visibili anche su facebook  (http://www.facebook.com/home.php?sk=group_185791911464697) dove ho costituito un gruppo al quale chi vuole dare il proprio supporto  e la propria adesione potrà farlo.
Nell’attesa di poter visitare il Castello con i miei bambini che lo attendono dallo scorso 19 dicembre 2011, ringrazio anticipatamente tutti coloro che vorranno condividere con me questa “civica richiesta”
Angelo Lippolis

PS: poiché la chiusura del castello lede i diritti di tutti gli Oritani ed arreca un danno di immagine ed economico alla città di Oria e agli operatori economici, connessi in particolare alle attività turistiche e alla vendita dei prodotti locali, mi auguro di vedere tra i firmatari i candidati Sindaci.

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email