Oria – Il Corteo Storico ed il Torneo dei Rioni, il giorno dopo

Ho detto la mia… se volete dite la vostra! Il Forum di CarpediemOria è aperto a tutti.

Nella foto: il Presidente della Pro Loco di Oria, dott. Emilio Pinto.

Delusi, soddisfatti? Entusiasti? Cosa vi aspettavate di vedere e non avete visto. Cosa avete visto, ma avreste voluto che si fosse svolto in modo diverso.
Le sensazioni che hanno suscitato in voi sono importanti, e importante è conoscerle per migliorare la manifestazione perché essa richiede una programmazione molto accurata e prolungata nel tempo, non è il frutto dell'improvvisazione, o del qualcosa messo su all'ultimo momento, ed è più complessa della regia di un film, dove il regista dà più volte il "ciak si gira" alla stessa scena, finché essa non è "perfetta". Coordinare tanti figuranti non è un'impresa semplice, come non lo è quella della direzione e coordinamento generale nell’organizzazione settoriale, come quella rionale, per es.. I costi per realizzarla sono alti, ma meno, molto meno di quelli che si spenderebbero per le riprese di un modesto film storico. Ci si affida ancora molto al volontariato. Ma con i “costi” il Presidente e i suoi collaboratori più stretti devono fare i conti, e, se la "tasca" non lo permette, devono rinunciare alla realizzazione di un "sogno", di una "scena" vista e rivista nella loro mente, ma costosa quel tanto da non potersela permettere, da non poterla offrire agli occhi degli spettatori, giunti, possiamo ben dirlo, da ogni parte d'Italia e dall'estero. La rievocazione storica del Corteo e del Torneo sono manifestazioni che non hanno confini e non sono paragonabili alla serata del cantante pop o rock. Qualche giorno fa, con mia grande meraviglia, su Facebook, parlavo con un'amica Mesagnese del torneo di Oria e scopro che in tanti anni non l'ha mai visto perché facente parte dell'Estate “Oritana”, e che del resto nemmeno io seguo le manifestazioni di mesagnestate. Ma la valenza delle manifestazioni è totalmente diversa. La "serata", del concerto rock della famosa cantante, o quella del famoso comico, per es., non è un'esclusiva di Mesagne, come non lo è di Oria, il Torneo dei Rioni è una manifestazione unica nel suo genere, che coinvolge ed interessa tutta la Puglia, l'Italia e il mondo intero. E' una manifestazione turistico-storico-culturale che ha salde radici nella "Storia", nel maniero di Federico II di Svevia, e che per questo non è esportabile in un "tour" di serate da una città all'altra. Nè ha senso boicottarla perché non è della nostra città, perché essa è, in ogni caso, del nostro territorio, della provincia di Brindisi, della Puglia e dell'Italia. Lo sviluppo turistico, e, conseguentemente e parallelamente, economico non costituiscono un vantaggio riservato solo alla città che ospita la manifestazione, perché sappiamo bene tutti che le ricchezze economiche "girano". I soldi incassati passano da una tasca all'altra e meglio ancora se non finiscono con l'accrescere ed esportare i "capitali" all'estero. A Mesagne c'è un grande "store", centro commerciale nato come una grande catena di distribuzione con capitali originariamente francesi, oggi non so, dove tanti pugliesi, certamente non solo mesagnesi, fanno i loro acquisti. Ho detto la mia… se volete dite la vostra, il Forum di CarpediemOria è aperto a tutti.

F. Russo

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email