Oria – Indennità degli Amministratori: cresce la spesa, altro che riduzione!

Io Amo Oria – Dott. Angelo Mazza

LA CASTA È QUI. L’Amministrazione del Sindaco Pomarico è stata capace in soli due mesi di amministrazione di fallire i primi due di dieci obiettivi importanti dichiarati in campagna elettorale. L’ULTIMA TROVATA È VERAMENTE CLAMOROSA E VERGOGNOSA!

Oria - Indennità degli Amministratori: cresce la spesa, altro che riduzione!

 

     Con la delibera di Giunta Comunale n. 16 del 15 luglio 2011 siamo infatti all’apoteosi: con un atto evidentemente illegittimo in più punti, si delibera una “riduzione” (???) delle indennità degli amministratori già in vigore (udite udite!) da oltre sei anni (delibera di G.C. n. 85 del 05/05/2005).

     La precedente Amministrazione l’ha applicata senza fare proclami… senza dire nulla.

In pratica per le indennità degli amministratori si spenderà più degli anni scorsi!

     È vero infatti che la delibera è peggiorativa per le casse comunali, infatti in essa- oltre a non stabilire alcuna reale riduzione rispetto al passato- si stabilisce che per il Vicesindaco e per il Presidente del Consiglio non si applicherà alcuna riduzione rispetto alle tabelle ministeriali, il che determina due conseguenze: la prima è che queste figure guadagneranno più rispetto a quanto avveniva in passato, la seconda consiste nella grossolana violazione della normativa (D.M. n. 119/2000, art. 4) che stabilisce che al Vicesindaco di comuni con popolazione superiore a 10.000 e fino a 50.000 abitanti è corrisposta un'indennità mensile di funzione pari al 55% di quella prevista per il sindaco e che ai Presidenti dei Consigli di comuni superiori a 15.000 abitanti è corrisposta un'indennità mensile di funzione pari a quella degli assessori di comuni della stessa classe demografica.

     In sostanza, pur di non sottrarre neanche un euro al Presidente del Consiglio Metrangolo ed al Vicesindaco Zanzarelli i quali, poverini, percepiscono l’indennità dimezzata oltre al proprio stipendio, si è preferito implicitamente modificare le percentuali previste per legge!

     Il fatto che a Metrangolo e Zanzarelli non convenga richiedere l’aspettativa dal posto di lavoro è affar loro e, comunque, riguarda una condizione soggettiva dei due e non della figura istituzionale che rappresentano. 

In altri termini, la Giunta di Pomarico prima di fare i saldi ha, senza vergogna, aumentato i prezzi della merce!

     E dire che l’obiettivo gridato in campagna elettorale era quello di risparmiare 160.000 euro nel corso del mandato.

     Il Sindaco, si legge nella delibera, a tutt’oggi non percepisce alcuna indennità in quanto ha optato per l’indennità di funzione di Assessore Provinciale. Eppure è lo stesso Sindaco che, nell’intervista alla Giunta andata in onda su TRCB il 30 giugno scorso, aveva dichiarato: «Io sono ancora assessore alla provincia, però ho annunciato in campagna elettorale che mi sarei dimesso subito, cosa che ho fatto. Le mie dimissioni sono in mano al Presidente Ferrarese il quale dovrà governarle e gestirle come meglio crede. Penso che da qui a poco ci sarà un nuovo e bravissimo assessore all’agricoltura».

A parte che chi ci capisce qualcosa è bravo, a Pomarico sembra sfuggire però che «le dimissioni degli assessori sono irrevocabili dal momento della presentazione, non necessitano di presa d'atto e hanno immediata efficacia, come recita lo Statuto della Provincia di Brindisi all’art. 31, comma 2.

BASTA BUGIE! BASTA GIOCO DELLE TRE CARTE! LA CASTA NON È POI COSÌ LONTANA DA NOI.

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email