Home / Archivio / L'Oritano / Oria – Proposta di Impegno Sociale sul Regolamento per le Commissioni Speciali

Oria – Proposta di Impegno Sociale sul Regolamento per le Commissioni Speciali

Il Capogruppo di Impegno Sociale, Antonio Farina

Il Consigliere Comunale di Impegno Sociale, Antonio Farina, presenta la proposta di Regolamento per il funzionamento delle COMMISSIONI SPECIALI ai sensi dell’art. 32 dello Statuto del Comune di Oria.

Il Consigliere Comunale  di Impegno Sociale, Antonio Farina

Il Consigliere Comunale di Impegno Sociale, Antonio Farina

 

Al Presidente del Consiglio Comunale 

     Il sottoscritto, Antonio Farina, Consigliere Comunale e Capogruppo di Impegno Sociale, chiede che venga approvato il Regolamento per il funzionamento delle COMMISSIONI SPECIALI ai sensi dell’art. 32 dello Statuto del Comune di Oria. 

Si allega proposta di Regolamento da sottoporre al Consiglio Comunale previa convocazione della apposita commissione consiliare ed acquisizione dei competenti pareri. 

Quanto richiesto al fine precipuo di garantire quanto prima il diritto alla istituzione delle commissioni di inchiesta e/o di indagine sull’attività dell’amministrazione ai sensi dell’art. 32 dello Statuto rimasto per troppo tempo inapplicato. 

Distinti saluti 

Data 29/02/2012 

Antonio Farina 

Capogruppo Impegno Sociale 


REGOLAMENTO COMMISSIONI SPECIALI

Il Consiglio Comunale ai sensi dell’art. 32 dello Statuto approva il seguente

REGOLAMENTO per il funzionamento delle COMMISSIONI SPECIALI

Art. 1

Su istanza sottoscritta da almeno un terzo dei Consiglieri in carica il Consiglio Comunale, nell’esercizio delle sue funzioni di controllo politico amministrativo, può costituire nel suo interno Commissioni di indagine o di inchiesta sull’attività dell’amministrazione.

Art. 2

La deliberazione che istituisce la Commissione, da approvarsi a maggioranza assoluta dei Consiglieri assegnati, definisce l’oggetto e l’ambito dell’indagine o della inchiesta ed il termine per concluderla.

– Della Commissione formata dai capi-gruppo consiliari e/o consiglieri da loro delegati che esprimono un voto ponderato rapportato alla consistenza del gruppo politico consiliare di appartenenza, fanno parte di diritto, il Sindaco, il Presidente del Consiglio Comunale e il Segretario Generale-

– Con la delibera istitutiva viene eletto il Presidente, fra i membri appartenenti alla minoranza consiliare, a maggioranza assoluta dei membri del Consiglio Comunale ai sensi dell’art. 44 del Tuel 267/2000

Il Segretario della Commissione viene scelto e nominato dal Segretario Generale, tra i dipendenti del Comune e su indicazione del presidente della Commissione.

– Nella prima seduta viene eletto un relatore che riferisce in consiglio comunale una volta scaduto il termine stabilito per concludere l’indagine. Tale termine può essere prorogato per una sola volta, con decisione presa dal consiglio comunale e per un ulteriore tempo non superiore a quello inizialmente stabilito.

Art. 3

– La Commissione ha tutti i poteri necessari per l’espletamento dell’incarico.

– Su richiesta del Presidente, Il Segretario Generale mette a disposizione della Commissione, o autorizza il Funzionario competente a mettere a disposizione tutti gli atti, documenti ed informazioni, anche di natura riservata, senza vincolo del segreto d’ufficio, afferenti l’oggetto dell’indagine od allo stesso connessi.

Quando trattasi di atti di natura riservata, tale autorizzazione dovrà essere scritta.

Scopo della Commissione è di redarre una relazione circostanziata e corredata di tutti gli atti a supporto, al fine di fornire al Consiglio Comunale un quadro chiaro dei fatti di indagine.

– Estensore della relazione è il Relatore, che si potrà avvalere, per la preparazione del testo finale, della collaborazione della struttura amministrativa dell’Ente.

La Relazione è presentata ai commissari e non è posta in votazione; tuttavia il Relatore di concerto con il Presidente, sulla scorta del dibattito successivo, può apportarvi modifiche illustrate nella stessa o in successiva riunione ai commissari, che hanno facoltà di ottenere la messa a verbale di posizioni divergenti dal contenuto del testo finale.

Art. 4

Tutte le sedute della Commissione sono riservate ed è esclusa la presenza del pubblico..

Al fine di acquisire tutti gli elementi di conoscenza necessari per l’espletamento dell’incarico ricevuto, la Commissione può effettuare l’audizione di membri della Giunta e del Consiglio Comunale, del Collegio dei Revisori, del Segretario Generale, dei dirigenti, dei responsabili dei servizi e degli uffici e dei singoli dipendenti dell’Ente, dei rappresentanti del comune in altri enti ed organismi, dei responsabili di enti ed aziende controllati dal comune.

Gli atti dell’indagine sono riservati; essi, immediatamente dopo l’ultima seduta, sono trasmessi in copia dal Presidente al Presidente del Consiglio Comunale, che provvede ad inserire l’argomento all’ordine del giorno del primo Consiglio Comunale, decidendo, sulla base del contenuto degli atti, se esso debba essere discusso in seduta segreta; Il Consiglio Comunale delibera quali atti debbano essere riservati.

I componenti della Commissione ed i soggetti uditi sono vincolati dal segreto d’ufficio sino al termine del dibattito sull’argomento; il Consiglio Comunale, nella seduta segreta, può tuttavia deliberare il mantenimento, totale o parziale, del vincolo.

Art. 5

La redazione dei verbali della commissione, viene effettuata dal segretario della commissione che nelle sedute si può avvalere di apparecchi di registrazione

Art. 6

Nella relazione al consiglio Comunale il relatore a nome della Commissione espone i fatti accertati ed i risultati delle indagini eseguite, escludendo comunicazioni e riferimenti acquisiti durante le audizioni e l’indagine che non sono risultati, direttamente od indirettamente, connessi con l’ambito della medesima; per gli stessi è mantenuto il segreto d’ufficio di cui all’art. 4.

Art. 7

Il Consiglio Comunale, perso atto della relazione della Commissione, adotta i provvedimenti conseguenti se di sua competenza o, in caso diverso, esprime alla Giunta i propri orientamenti in merito alle deliberazioni che quella dovrà adottare entro un termine stabilito.

Art. 8

Con la presentazione della relazione al Consiglio Comunale, la Commissione conclude la propria attività ed è sciolta.

Dopo il voto del Consiglio Comunale gli atti ed i verbali vengono dal Presidente consegnati al Segretario Generale che ne rilascia ricevuta e ne cura la conservazione nell’archivio comunale

Controllare anche

Autovelox fisso sulla circonvallazione Oria

Autovelox fisso sulla circonvallazione: Amministrazione fa ennesima gaffe

Autovelox fisso sulla circonvallazione: per la Lega Salvini Premier di Oria si tratta dell’ennesima gaffe compiuta dall’Amministrazione del Cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi
Tweet
WhatsApp
Email