Home / Oria / Pasquetta a Oria: al Parco Sabba Motalbano accesso negato ai turisti

Pasquetta a Oria: al Parco Sabba Motalbano accesso negato ai turisti

Parco Sabba Montalbano: accesso negato a Pasquetta. Oria, città turistica dimostra di non riuscire a gestire in modo appropriato e atteso l’afflusso turistico in una giornata speciale come è la Pasquetta.

Accesso negato Parco Pasquetta

I turisti che hanno scelto di trascorrere Pasquetta a Oria, immersi in un’atmosfera di arte, cultura, storie e leggende, hanno potuto visitare il Museo Archeologico di Oria e dei Messapi, La Basilica Cattedrale con gli Ipogei. Hanno anche pensato che avrebbero potuto visitare, accedendo da via G. D’Oria, l’interno del Parco Sabba Montalbano, alla scoperta della Necropoli Messapica, delle sue bellezze naturali e delle splendide vedute panoramiche della città, per poi concedersi un pic nic con la famiglia, gli amici, nell’accogliente parco.

Sogno infranto dai catenacci che sbarravano l’ accesso al Parco.
Molte le segnalazioni di protesta dei turisti delusi ed amareggiati dalla conclusione inaspettata della pasquetta fuori porta.

La Cooperativa che gestisce le visite guidate ha tentato di risolvere il problema, ma di fronte al riscontro del cambio del lucchetto da parte di qualcuno, al momento non rintracciabile, ha dovuto desistere e scusarsi con i turisti per l’imprevisto occorso.

Oria, città turistica che non riesce a gestire in modo appropriato e atteso l’afflusso turistico. I visitatori che, in momenti come la giornata di Pasquetta, si spostano con ogni mezzo, percorrono, a volte, anche centinaia di chilometri, restano amareggiati e delusi.
C’è da chiedersi se alla prossima Pasquetta avranno ancora voglia di visitare Oria e se la consiglieranno ai parenti e agli amici.
Sarebbe ora che nulla fosse lasciato al caso, l’improvvisazione non sempre rende.

Controllare anche

Caniglia saggio castello Oria

Il castello di Oria: vicende giuridiche e prospettive di valorizzazione

L’autore del libro, dott. Glauco Caniglia, nel suo saggio, dopo una disamina delle varie vicende giuridiche che hanno riguardato il castello, analizza gli strumenti e le modalità offerte dalla normativa vigente per restituirlo alla fruizione pubblica e...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi91
WhatsApp
Tweet
+1