Portraits à l’envers ossia Ritratti al contrario

Valentina Antonini

Una mostra che colpisce l’attenzione dei bambini e sorprende quella dei grandi. Portraits à l’envers ovvero Ritratti al contrario. S’inaugura mercoledì 1 febbraio e prosegue per tutto il mese la personale di pittura dell’artista brindisino Domenico Lapolla, al Bar Chopin in Corso Umberto I, 98 a Francavilla Fontana.

Portraits à l’envers - Ritratti al contrario di Domenico LapollaPortraits à l’envers – Ritratti al contrario di Domenico Lapolla

 

     Il titolo della mostra sintetizza il meccanismo alla base di questi dipinti che è contrario alla comune dinamica da cui ha origine un ritratto: non è l’arte che imita la realtà ma viceversa. Si rovescia il tradizionale rapporto tra arte e realtà che vuole la prima ad imitazione della seconda. S’instaura piuttosto un riflesso dell’opera d’arte nel vero. In base a questo principio saranno i personaggi nati dalla fantasia che andranno a trovare nelle nostre vite persone a cui assomigliare. 

     I dipinti si caratterizzano per lo stile naïf, le pennellate leggere e poco materiche, i colori pastello dai toni chiarissimi, la quasi totale assenza di profondità, ombre e prospettiva. Questa pittura non mira alla cura del dettaglio e rinnega la ricerca della perfezione per essere fedele piuttosto alle immagini semplici che nascono dalla fantasia. I personaggi sono uomini e donne dallo sguardo incantato, ritratti in scene curiose di un mondo sospeso tra sogno e realtà. Quasi costante la presenza del regno animale, in un rapporto di fiducia completa verso l’uomo, da pari a pari: oche a lezione di greco antico o di pianoforte, pesci che salutano naviganti, fenicotteri a dar spettacolo sulla testa di graziose donne, asinelli sospesi per aria. Una mostra che colpisce l’attenzione dei bambini e sorprende quella dei grandi.

     La pittura è, in ordine temporale, l’ultimo approdo artistico di Domenico Lapolla. Pianista di formazione, si avvicina ben preso al violino, entrando a far parte di rinomati gruppi di musica popolare salentina, tra i quali vale la pena citare Arakne Mediterranea. Recente la collaborazione con Eugenio Bennato nel suo lavoro Sponda Sud in cui Domenico rientra come voce e violino. La passione per le lingue e le letterature lo portano ad una laurea in arabo e a numerosi viaggi verso l’Egitto e altri Paesi del Maghreb. 

Controllare anche

Linguaggio delle immagini Concorso

Linguaggio delle immagini: concorso di fotografia pittura scultura poesia

Il Linguaggio delle immagini per suscitare l’interesse culturale per l’arte. Gli Ex Allievi Rog dedicano i concorsi a Santo Annibale e P. Palma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email