Potevo essere io: La storia di un terrone al nord

Arianna-Scommegna

Mercoledì 1 aprile “Teatro a tutti i costi”, la rassegna organizzata da Armamaxa residenza teatrale con il sostegno dell’Amministrazione Comunale di Ceglie Messapica, dà voce alla nuova della drammaturgia italiana di Renta Ciaravino dalla cui penna esce ”Potevo essere” io” divertente e struggente storia di due ragazzi di periferia interpretata da una straordinaria Arianna Scommegna,premio UBU 2014 come miglior attrice. Il racconto di una bambina e un bambino che diventano grandi partendo dallo stesso cortile di periferia negli anni ‘80. Due partenze, stessi presupposti, ma finali diversi. E in mezzo la vita e una domanda: cosa ci fa salvare? Cosa ci fa andare da una parte o dall’altra? Quante volte abbiamo detto “potevo essere io e invece, poi, no”. Chi racconta è quella bambina che cerca di capire, insieme allo spettatore trascinato prima a fragrose risate e poi alla più malinconica commozione, cosa siano state queste due storie.
Martedì 14 aprile Tindaro Granata porterà in scena “Antropolaroid” e infine nuvole di puro teatro, ritmo ed esilaranti invenzioni nel vaudeville dagli atti unici, dalle lettere e dai racconti di Anton Cechov di “Svenimenti”, messo in scena dalle Belle Bandiere con Elena Bucci, Gaetano Colella e Marco Sgrosso chiuderanno la stagione giovedì 23 aprile.

Mercoledì 1 aprile – ore 21.00
Teatro Comunale – Ceglie Messapica, via San Rocco 1
Ingresso 7€ platea – 5€ galleria
Info e prenotazioni 389 2656069
servizio di babysitting gratuito previa prenotazione

Michela Cerini
Punes_produzioni e comunicazione multimediale

[Google]

Controllare anche

Avis 30 anni

AVIS Comunale Oria ripercorre la sua storia con: Abbiamo fatto 30!

L’associazione ripercorrerà 30 anni di storia avisina e di volontariato sul territorio oritano attraverso narrazioni e testimonianze dei suoi protagonisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email