Quarto raduno della famiglia Galiano a Oria

È prevista la partecipazione di circa sessanta nuclei del ceppo oritano “Pitocco” della famiglia Galiano provenienti da più regioni; socializzeranno in un clima festoso e racconteranno le loro esperienze.

GALIANO-2

I Galiano si rivedranno il 21 agosto prossimo per raccontarsi e misurarsi con i valori della cultura contadina di una volta, della “terra” e con quelli della civiltà tecnologica.

Lo slogan che radunò alcuni anni fa i parenti vicini e lontani del ramo dal soprannome “Pitocco”, originario di Massafra (1600) e sviluppatosi in Oria (1723), recitava così: “I Galiano si incontrano e si raccontano”. 

Ora i Galiano sperimentano le nuove modalità di comunicazione: si raccontano e si leggono sul sito www.famigliagaliano.it, dove si possono reperire informazioni su: cognome, soprannome, albero genealogico (1640 — 2005), schede di approfondimento su avi capostipiti, note di cronaca, aneddoti e pagine di storia.

Dice Angelo Galiano: «La consultazione di tante informazioni doveva essere consentita senza dispendio di risorse economiche, in tempo rapido e con strumenti moderni e accessibili a tutti, abbattendo anche le distanze. La soluzione di attivare un sito è stata quella che è prevalsa su tutte poiché a distanza di qualche anno “i nipotini” si dimostreranno esperti e appassionati nella navigazione internet, saranno i primi a interessarsi della famiglia e ad accostarsi ai “nonni” facendoli navigare, appropriandosi, così, della propria identità, interagendo con apporti personali da segnalare al responsabile del sito o al gruppo di lavoro che fa capo a Angelo Galiano, Francesco Farina, Francesco Candita, arricchendo il patrimonio culturale di tutti. Il tempo ci darà ragione, poiché molti vorranno usare questo moderno strumento, valorizzando anche i messaggi positivi che emergono dalle passate esperienze e che ispireranno e sostanzieranno il nostro vivere quotidiano.»

Controllare anche

Episcopio di Oria

Episcopio di Oria: progetto valorizzazione, primi in graduatoria regionale

Episcopio di Oria: progetto Città invisibile… finanziato per la valorizzazione e la fruizione dai visitatori del complesso Monumentale e del Museo diocesano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email