San Marzano protesta contro i parcheggi a pagamento

Firmato da cittadini e Commercianti.

Il pagamento del parcheggio scatterà lunedì 12 settembre 2011.

San Marzano protesta contro i parcheggi a pagamento

 

Finalmente, dopo le numerose segnalazioni dei cittadini residenti in Piazza Maria SS. delle Grazie, prospiciente la centralissima via Roma, in San Marzano di S.G., l’Amministrazione Comunale ha deciso di intervenire. Purtroppo, però, non nel senso auspicato dai residenti. Infatti, la Piazza versa in condizioni di totale abbandono. Innanzitutto, la pavimentazione della stessa è, in alcuni tratti, divelta dalle radici degli alberi piantati lungo il suo perimetro, alcuni cassoni per la raccolta della spazzatura sono privi del coperchio e sfondati, la vegetazione un tempo presente nelle aiuole è stata estinta dal quotidiano uso della Piazza come campo di calcio improvvisato, l’immagine della Madonna è imbrattata con vernice e al buio da diverso tempo. Nonostante tanto, l’Amministrazione ha deciso di appaltare la realizzazione di una serie di stalli di sosta a pagamento, infatti risulta che è la Piazza più tartassata di strisce blu. Certo, non si vuole mettere in dubbio la necessità di provvedere alla disciplina del traffico veicolare nelle zone centrali e limitrofe, ma sarebbe stato forse opportuno procedere attraverso la preventiva convocazione dei residenti e dei commercianti al fine di operare scelte condivide e meglio aderenti alle necessità di tutti i Sammarzanesi. Questo, avrebbe consentito, verosimilmente, di distribuire in maniera più equa i parcheggi a pagamento che invece sono concentrati esclusivamente in alcune zone, tanto da essere percepiti come una vera e propria ingiustizia ed esagerazione, sopratutto considerate le necessità derivanti dalla disciplina del traffico della zona. Questa ultima considerazione trova conforto nella circostanza che le strade adiacenti a via Roma e Piazza Madonna delle Grazie, oggetto del contestato riordino, (es. Via Regina Margherita, via Tagliate, Piazza Padre Pio) anche loro centrali, sono rimaste, inspiegabilmente, fuori dalle strisce blu, ciò nonostante sulle stesse siano ravvisabili le medesime esigenze che avrebbero giustificato le scelte della P.A. Anche il Piazzale Canalini, antistante la residenza Municipale, non è  rientrato nel piano di riordino del traffico. Nonostante anche quella sia una zona centrale ad elevato carico di traffico e abitualmente frequentata da Amministratori locali che, tra l’altro, avrebbero potuto, in questi tempi di sacrifici richiesti ai cittadini, dare certamente il buon esempio prevedendo almeno alcuni stalli a pagamento, ma nulla è stato previsto. In conclusione, l’assoluta mancanza di dialogo tra Amministratori locali e cittadini ha creato problemi e disagi ai residenti, ai commercianti, ed altre attività, che, la mattina del 29 settembre si son trovati immersi nelle strisce a pagamento. Quindi, i poveri cittadini sono costretti a subire pagamenti non voluti. In particolare. Forse avrebbero dovuto beneficiare di “pass gratuiti” in quanto residenti. Si segnala che questo articolo è stato realizzato anche sulla scorta delle numerose lamentele e segnalazione ricevute da numerosi cittadini che auspicano una profonda rivisitazione del progetto in favore di una maggiore equità e sensibilità nei confronti di tutti i Sammarzanesi. Si ringrazia pubblicamente questa testata giornalistica per l’attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti dei problemi di San Marzano. GRAZIE. 

Firmato da cittadini e Commercianti.

Luciano Lonoce – Avvocato e residente in Piazza Madonna delle Grazie 

Mimmo Ghetta  – Artigiano con attività in Piazza Madonna delle Grazie

Controllare anche

Corsa-contro-la-fame-Oria

Corsa contro la fame: iniziativa solidale del 2° Ist. Com. Monaco Fermi

Corsa contro la fame alla Monaco Fermi di Oria: didattica, sport e solidarietà in un progetto ad alto valore educativo, per un mondo libero dalla fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Tweet
WhatsApp
Email