Home / Archivio / Dalla provincia / Taranto – Un bellissimo lago nei pressi di San Marzano

Taranto – Un bellissimo lago nei pressi di San Marzano

L’uomo restituisce alla natura

È un lago artificiale che la natura ha fatto suo: in determinati periodi dell’anno si possono ammirare i flussi migratori di Cormorani, Anatre, Cigni e varie specie di fauna. La zona è protetta dalla Regione Puglia ed è vietato pescare e cacciare. Si spera che possa diventare oasi protetta del WWF, dove poter passare delle splendide domeniche con tutta la famiglia.

Lago di San Marzano

Non tutti sono al corrente che nella zona Sant’Andrea a circa 4 km da San Marzano sorge un bellissimo lago, detta diga “Pappadai“. È un enorme invaso che nasce nelle zone comprendenti i Comuni di San MarzanoCarosinoMonteparano e Fragagnano. Attualmente è un lago “diga” tra le più grandi in Europa de è di proprietà della Regione Puglia. Misura circa 1 km di lunghezza, contiene a pieno regime 13.000.000 di m3 di acqua, ha una profondità nel punto più alto di 27 metri, per percorrerla tutta occorrono quasi 4 km. Osservandola da vicino si ha la sensazione di vedere il Mar Piccolo di Taranto, è un posto davvero incantevole. Dal lago è possibile ammirare i Comuni circostanti, in particolare si nota San Marzano con i suoi 143 metri sul livello del mare. Il lago o meglio la diga è una zona protetta dalla Regione Puglia, è vietato pescare e cacciare. In determinati periodi dell’anno si notano i flussi migratori di Cormorani, Anatre, Cigni e varie specie di fauna. Sarebbe cosa giusta rivalutare questo lago al fine di attirare turismo nei Comuni circostanti. Si spera che possa diventare oasi protetta del WWF, dove poter passare delle splendide domeniche con tutta la famiglia. 

Controllare anche

Tutta San Marzano palcoscenico delle “Strade della Musica”

L’Associazione Culturale Musicart, con il Patrocinio del Comune di San Marzano, presentano per sabato 25 …

2 Commenti

  1. Grande giornalismo asservito al servizio pubblico………
    complimenti……
    vorrei conoscere il nome di chi l’ha scritto quest’articolo……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi
Tweet
WhatsApp
Email