Home / Oria / Al via i lavori della Settimana Biblica presieduti dal Vescovo Pisanello

Al via i lavori della Settimana Biblica presieduti dal Vescovo Pisanello

Al via i lavori della Settimana Biblica: La famiglia nella Sacra Scrittura. Relaziona sul tema il biblista don Pasquale Pezzoli. Le FOTO

lavori della Settimana Biblica
Cliccare sull’immagine per ingrandirla!

Al via i lavori della Settimana Biblica 
Ha preso il via in questi minuti presso il Santuario di San Cosimo alla Macchia in Oria la Settimana biblica diocesana 2019, dedicata al tema “La famiglia nella Sacra Scrittura“.
Relatore è il biblista don Pasquale Pezzoli; presiede il vescovo Vincenzo Pisanello.

Le foto:

Al via i lavori della Settimana Biblica

Settimana Biblica Diocesana 2019: La famiglia nella Sacra Scrittura

 

Da lunedì 25 febbraio a mercoledì 27 febbraio 2019, nella chiesa di San Giovanni Paolo II presso il Santuario di San Cosimo alla Macchia in Oria (Br) si terrà l’annuale appuntamento.

Il tema scelto quest’anno è “La famiglia nella Sacra Scrittura“; a guidare la riflessione su questo argomento sarà mons. Pasquale Pezzoli.

Mons. Pezzoli è biblista e autore di diverse pubblicazioni. Già rettore del Seminario “San Giovanni XXIII” di Bergamo, ora è parroco di “Santa Caterina” in Bergamo.

Ciascuna delle tre serate in cui è articolata la Settimana Biblica diocesana sarà presieduta dal vescovo di Oria mons. Vincenzo Pisanello e avrà inizio alle ore 19.30.

Prof. Pierdamiano M. Mazza
Direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali e la Cultura della Diocesi di Oria

Diocesi di Oria
piazza Cattedrale, 9
72024 – Oria (Br)

Controllare anche

Messaggio-Vescovo-Vincenzo-pellegrini

Messaggio del Vescovo Vincenzo ai pellegrini del Santuario di S. Cosimo

Messaggio del Vescovo. Caro Amico Pellegrino, ALZATI e va dai Santi Medici: sono pronti ad accogliere la tua preghiera per offrirla alla Santissima Trinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi20
Tweet
WhatsApp
Email